Goiàs Velho

IMG_20151209_121329Potrei usare le stesse parole che aprivano il primo post di questo blog, anni fa: Ho ritrovato subito con emozione le casine tradizionali portoghesi. Le ho già trovate molte volte, sempre uguali, in Brasile, a Capo Verde, in Angola, ovunque i portoghesi abbiano messo piede da padroni. 

Questa volta le casine le trovo a Goiàs Vecchio, antica capitale dell’omonimo stato, in Brasile. Un paese delizioso, intatto. Abitato da gente normale, poco turistico, ben conservato, senza leziosità e falsità, pieno di vita vera. le persone sono gentili, mi hanno visto camminare sotto il sole e mi hanno offerto spontaneamente un passaggio in auto. Si respira sicurezza, cosa rara in Brasile ed in tutto il continente. C’e’ poco da fare salvo passeggiare fra le stradine del borgo vecchio; sul selciato di pietre arrotondate molto caratteristico e ben conservato, ma assai doloroso per la pianta dei piedi, se ce l’avete sensibile.

Si può salire al vecchio Palazzo del potere, oggi trasformato in un museo molto accogliente, dove i numerosi e sfaccendati custodi vi riceveranno con piacere, a voi, raro turista straniero. Al pian terreno la grande sala della prigione, teatro di infinite sofferenze e soprusi sugli schiavi ed i poveracci, perpretati dagli infami colonizzaori.

Ancora una volta mi assale il fascino e l’orrore di questi portoghesi che si avventurarono fiIMG_20151209_114446no a qua, a 1000 chilometri dal mare, per cercare e trovare l’oro, a metà del 1700. Costruirono la città, sterminarono gli indigeni, importarono grandi quantità di schiavi africani. IMG_20151210_143655Distrussero e costruirono, con un impeto mortifero ed irrefrenabile. Potenza della cupidigia, croce dell’umanità.

Eppure queste casine non danno l’idea della conquista penosa, dello sfruttamento bestiale degli schiavi. Sembrano serene e pacifiche: paradossi! Ma forse sta nell’anima dei portghesi.

IMG_20151209_125045Vi sono arrivato da Sao Paulo, dopo un viaggio in bus di 18 ore con un cambio velocissimo. Notte, aria condizionata a palla, mega autogrill con cibo che dire spazzatura è un complimento. Raffreddore e diarrea. Mi ripiglio poco a poco.

(Più informazioni sulla città).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...