Le terme Asmana a Firenze

La piscina principale. Foto dal sito delle terme.

A volte chi scrive è un po’ scoraggiato da quel che vede e poi vuole raccontare. E non sa se rassegnarsi o continuare a dire che le cose non dovrebbero andare così.

E’ quel che è successo all’Asmana: centro benessere, terme, ecc, in posizione centrale fra Firenze, Prato ed i Comuni della Piana fiorentina. Una zona molto abitata. E’ aperto da ben quattro anni, ancora non me ne ero accorto.

Accanto all’autostrada ed in vista della chiesa del Michelucci, le terme sono ospitate in una costruzione di stile “villetta abusiva anni ’70 disegnata dal geometra” e sono dotate di ampio e comodo parcheggio.

C’e’ una piscina principale dalle forme rotondeggianti parzialmente all’interno e parzialmente all’esterno. Esternamente due piscinette più piccole. Pochi giochi d’acqua: solo una rotonda in cui l’acqua forma una corrente che ti trascina e qualche postazione con le bollicine. Nessun getto dall’alto per il massaggio alla cervicale.  Un bar si affaccia sulla piscina principale. Ci sono poi tre o quattro saune abbastanza grandi, un paio di bagni turchi, una piscinetta interna. Lettini ovunque, alcune stanze per distendersi nel silenzio. Locali per i massaggi, un bar con panini ed un ristorante con un menu dall’aria salutista. L’edificio è tagliato in modo furbo, sembra molto più grande di quel che in realtà sia.  L’arredamento è strettamente minimalista – risparmioso del tipo di quello che si trova nei negozi tipo “Bamboo – India”. Non manca il Budda, le poltroncine di finto vimini, le ambientazioni marocchine.

E fin qui sarebbe tutto molto banale e già visto mille volte, ma potrebbe anche andare. Lo scoraggiamento comincia ora.

Le piscine sono tutte profonde 135 cm; l’acqua a me da all’ombelico. Ma soprattutto si risparmia sul riscaldamento: la temperatura è al limite inferiore del tiepido, un grado in meno e farebbe freddo. Non si ha la sensazione del calore, che è proprio il motivo per il quale si va alle terme. Stessa cosa per le saune; solo una sfiora gli 80 gradi, che è poco per una vera sauna. Le altre sono tiepide; ci si può stare a lungo e non si arriva quasi nemmeno a sudare. Perfettamente inutili; va da se che non c’e’ il secchio con l’acqua da gettare con il romaiolo sulle pietre. Le ambientazioni sono fantasiste: India (saune in India?), wine  sauna (????) in un edificio a sé, sauna alle erbe. La vasca dell’acqua fredda è lontana dalle saune interne e comunque nessuno la usa, visto il poco riscaldamento delle saune stesse. Molta scena e pochissimo contenuto.

Va un po’ meglio nel bagno turco dove la temperatura, complice il vapore, da una discreta sensazione. L’ambientazione è marocchina ed il tutto è chiamato Hamman; in una stanza viene anche fatto (pagando un extra) il lavaggio con la schiuma.

Ci sono andato a cavallo dell’ora di pranzo di un giorno della settimana e c’era abbastanza gente. Mi immagino la ressa il fine settimana. Ed infatti, all’entrata di alcune saune ho visto i famigerati paletti con i nastri per regolare le file. Quarti d’ora d’attesa per entrare in una sauna stracolma di gente? Sta di fatto che gli armadietti sono 900, ma che è impensabile che queste terme possano contenere tutta quella gente.

Molte cerimonie nelle saune, con il solito tipo aitante che sventola l’asciugamano facendo finta di essere Sandokan.

Errori gravi della direzione. All’entrata danno il braccialetto con il numero dell’armadietto. Pare che questi braccialetti siano conservati in ordine progressivo; quindi le persone che arrivano una dopo l’altra alla biglietteria si troveranno ad avere armadietti contigui disturbandosi a vicenda al momento di spogliarsi. Il bar della piscina principale è uno solo con due banconi: uno esterno ed uno interno. Ebbene, durante l’inverno si serve solo al bancone interno, nonostante che i barman siano prossimi anche al bancone esterno e che le persone volentieri vorrebbero bere qualcosa rimando all’esterno.

Prezzi da 21 euro per due ore a 34 per tutta la giornata. Cari gli extra, compresi i noleggi di teli e ciabatte.

Insomma, è sempre la solita faccenda. Si investe il meno possibile, molto fumo negli occhi, prosopopea ed arroganza, servizi modesti, scarsa cura dell’ospite. Massimizzare il profitto, minimizzare gli sforzi, circuire il cliente che, probabilmente, non ha idea di cosa sua una vera sauna, delle terme veramente piacevoli, o dei centri benessere da professionisti. Vi è soprattutto l’insopportabile arroganza dell’apparire senza essere. E la gente continua a cadere nella trappola, cieca e sorda ad ogni evidenza. Poi, intendiamoci, una mezza giornata ci si può anche passare, ma siamo lontanissimi da quel che dovrebbe essere un centro benessere…..

Le terme di Bucarest

Bucarest non offre molto al turista, specialmente d’inverno, al freddo e al gelo. Ma vi sono le terme dove passare una giornata. Si trovano ad una trentina di km dal centro della citta; ci si arriva facilmente e a comodo prezzo con un taxi (meglio Uber, piu trasparente, mentre i taxi normali sono soliti taglieggiare e truffare l’ignaro turista) o con una navetta gratuita che parte ed arriva ogni due ore da Piazza Romana (vale la pena provarla, l’autista brucia i rossi come se fosse un`ambulanza, gli orari sono sul sito delle terme).

Gli orari dele terme sono lunghissimi e si può entrare la mattina ed uscirne a notte fonda.

L’enorme edificio delle terme, tutto in vetri, è concepito come una serra piena di grandi palme ed altri alberi tropicali. Fra queste sono sistemate le piscine ed i lettini. Vi sono tre fasce di prezzi e servizi. La prima da accesso ad un solo edificio, adatto alla prole. Ci sono molti scivoli e tre piscine, una per i ragazzi, una per gli adulti ed una esterna, ma riscaldata. L’insieme non è molto bello, le palme sono piccole, le luci basse, l’atmosfera vi e un po’ sciatta.

Pagando un po’ di più si ha accesso all’edificio principale con la grande piscina, in parte interna ed in parte esterna, ma, ovviamente, riscaldata. Un bar ha il bancone nella piscina stessa e si puo bere restando ammollo. In questa parte delle terme, le palme sono piu belle, le vetrate sull’esterno più ampie, l’atmosfera più ricca. Vi sono anche piscinette con acque salate, al litio e cose così. Si può entrare nella piscina, prendere qualcosa da bere, passare una porta semisommersa ed andare a bersela nella parte esterna, di notte, mentre nevica, restando nell’acqua calduccina fino al mento. Non è male.

Vi e infine un terzo livello di prezzi che permette l’accesso ad una terza e soprastante area (oltre, ovviamente, alle prime due) con le saune ed aree di relax molto tranquille. Nelle tre aree vi sono anche i bagni turchi, di vapore.

Tre ristoranti, uno per livello di prezzo, completano la faccenda. Si possono affittare costumi, ciabatte, asciugami, accappatoi. Il prezzo di entrata varia fra i 10 ed i 25 euro a seconda del livello scelto, della durata della permanenza, del giorno prescelto (il fine settimana è più caro). I prezzi delle consumazioni sono assai ragionevoli. E ti danno una fascetta tecnologica da mettere al polso su cui farti addebitare le consumazioni e pagare poi tutto insieme all’uscita, in totale trasparenza.

Durante l’estate vi sono grandi spazi all’aperto con il prato, gli ombrelloni e la piscina a temperatura ambiente. Ho visto che nuovi padiglioni sono in costruzione.

Tutto meraviglioso, quindi? Beh, no, purtroppo. Ed i purtroppo sono numerosi. Per prima cosa: l’acqua, i bagni turchi, le saune non sono molto caldi. Mancano diversi gradi per stare veramente al caldo. Si sta bene, ma non ci si lessa come si vorrebbe fare quando si va alle terme. Poi le piscine sono basse e bisogna sempre stare in ginocchio, per restare immersi. Ed i giochi d’acqua, soprattutto all esterno (jacuzzi, getti per i massaggi, correnti d’acqua) sono pochi e modesti.

Poi il personale è di una maleducazione proverbiale. Se ti siedi sul legno delle panche delle saune e non sull’asciugamano ti trattano come un delinquente. Se sei incerto sul da farsi, alla cassa, ti incitano come se tu fossi una pecora in un gregge.

Ma il problema maggiore è che questo complesso non sa bene cosa vuole essere. E’ progettato e gestito senza una idea precisa di cosa siano le terme. Da una parte vorrebbero essere una specie di aqualand, ma i giochi d’acqua e le cascate e gli scivoli sono troppo modesti per aspirare ad esserlo.

Ma non sono nemmeno delle terme tipo relax, benessere, wellness: l’acqua non èabbastanza calda, vi circola troppa gente,la musica ambientale è a volte frastornante, da discoteca. Le saune non sono assolutamente all’altezza degli standard che si trovano ormai ovunque: sono troppo grandi e le persone entrano ed escono continuamente lasciando entrare l’aria dall’esterno; in alcune ho notato che le porte non chiudono bene e lasciano passare tremendi spifferi. In quasi tutte le sane (con una sola eccezione) la temperatura è bassa e non hanno il catino con il romaiuolo per gettare l’acqua sulle pietre. In una delle saune è montato uno schermo gigante dove vengono proiettati i documentari naturalistici della BBC. Una sauna-cinema non si era mai vista. Altre saune hanno ambientazioni arabe o alpine, ma è solo scena, la temperatura è bassa. Si esce dalle saune perchè ci è venuto a noia restarci, non per aver raggiunto il limite di sopportazione del caldo, come deve essere.

Il costume è obbligatorio ovunque. Niente a che vedere, insomma, con le terme-benessere di tipo alpino-tedesco.

Ed infine si è voluto dare a tutto l’ambiente una atmosfera tecnologica con schermi, effetti luminosi, musica ambientale; tutto ciò è l’esatto contrario delle saune di tipo finlandese.

Il pubblico finisce per essere un misto fra turisti, expat, locali benestanti assidui o locali tamarri occasionali impedendo totalmente il sapore popolare che hanno le terme ungheresi. Ci ho visto sto anche un sacco di gente strana che assomigliavano molto a militari israeliani o a mafiosi caucasici. Donne in tchador ed altre evidentemente prezzolate. L’osservazione del pubblico può essere interessante e istruttiva.

La terme di Bucarest finiscono quindi per essere un grosso e dispendioso tentativo riuscito male in tutti i sensi, per un verso o per l’altro. Ci si puo passare una giornata, ma si finira per restarne un po delusi.

L’atmosfera delle piccole terme ungheresi

La parte esterna delle gaie terme di Mohacs.

Pensionati che giocano a scacchi, nonne con i nipotini, adolescenti obese che mangiano gelati, coppie di fidanzatini impacciati, bellone sfiorite che propongono quel che resta delle loro grazie ormai invase dalle cellulite, gruppetti ciarlieri di casalinghe attempate in libera uscita.

Questa è la meravigliosa umanità che affolla i centri termali minori in Ungheria. Ne ho già parlato, ma ci ritorno sopra perchè è una faccenda che mi par troppo bella. Per un qualche strano fenomeno geologico, la piatta Ungheria ha nel sottosuolo, ad alcune centinaia di metri di profondità, dell’acqua calda; e ciò avviene quasi dappertutto. Sono fiorite, quindi, centinaia di terme, un pò allo stile degli antichi Romani, che ne costruivano ovunque andassero, ma con dispendiosi sistemi di riscaldamento a legna. In Ungheria, invece, basta fare un pozzo sufficientemente profondo per avere delle belle piscine calde.

Alcune di queste terme sono molto grandi ed importanti: sono spesso frequentate dai pensionati tedeschi reumatosi, mentre quelle di Budapest sono invase dalle folle dei turisti da tre giorni/due notti. Ma io non parlo di questo tipo di terme.

Io parlo delle altre, sparse nelle cittadine disseminate nella infinita pianura ungherese. Ve ne sono legioni; chi dice 150 chi arriva a 240. Non son mai riuscito a trovare una buona carta con delle descrizioni dettagliate; questa è la migliore che ho pescato. Sono piccole, ma hanno sempre una bella piscina per nuotare, tanto che gli ungheresi sono tradizionalmente molto forti nel nuoto e nella pallanuoto. Hanno dei bacini di acqua calda per gli adulti e delle piscinette per i bambini. Non mancano mai la sauna ed il bagno turco. Ci si sta, immancabilmente, con il costume; a differenza di quegli spocchiosi degli austriaci che ti impongono il nudismo anche se non lo vuoi fare.

Il tutto è sempre molto alla buona: accanto alla biglietteria c’e’ la signora bionda cotonata che ti vende le bibite, la birra ed un panino. Gli ambienti sono accettabilmente puliti, ma i rivestimenti delle pareti possono essere un pò sbreccati, i pavimenti riparati con mattonelle di diversi colori, le porte stinte e le panche degli spogliatoi consunte. Niente a che vedere con le asettiche e pretenzione spa a cui siamo abituati nell’esangue Europa occidentale. Ma il visitatore troverà sempre ottima accoglienza, prezzi molto comodi e tante facilità su dove lasciare gli abiti, come parcheggiare l’auto, come usare le istallazioni. Sembra infatti che in queste terme non turistiche la visita di uno straniero sia considerata come una prova di amicizia, nei confronti del popolo. Andrà quindi ben accolto ed aiutato nelle sue incertezze di forestiero poco al corrente degli usi locali. Perchè poi le scritte sono solo in ungherese e trovare qualcuno che parli inglese a volte è poco facile.

Ci si passa qualche ora, si nuota, si prende il sole se d’estate (ma queste terme sono aperte tutto l’anno), si mangia e si beve, si sta soprattutto nell’acquettina calda, seduti sulle banchine immerse e prendendo quell’aria un poco scimunita da feto nell’utero materno. I pensieri si sciolgono, ci si rilassa e si esce candidi come agnellini, fuori e dentro.

Ma quel che innamora è l’atmosfera di queste termette: paesana, tranquilla, vecchiotta, popolare ed accogliente. Pare di tornare negli anni ’60 in Italia: un pò rurali, un pò operai; comunque desiderosi di divertirsi. Ma soprattutto soddisfatii di quel poco che si ha, senza stravaganze, senza capricci. Ecco, senza tirarsela.

Eppoi, tutti rispettosi e poco caciaroni; gentili, ma riservati. Peccato che gli ungheresi si siano ritrovati quell’orribile governo che hanno (2018) perchè una vacanza in giro per terme minori sarebbe una vera pacchia.

E la parte interna….

Bad Gastein e Bad Hofgastein: nudismi.

https://i2.wp.com/f4.fsc.szene1.at/fijn/619139/fijn_619139.jpgLa vecchia Austria, un pò polverosa, demodé ed asfittica, così vicina e così poco considerata, nonostante le molte bellezze ed i bassi prezzi, ha questi due gioiellini:Bad Gastein e Bad Hofgastein. Il primo è una destinazione antica, dove soggiornavano imperatori, re, nobili e banchieri. Ora il paese è decisamente decaduto e francamente bruttino. Il secondo, più in basso e meno stretto in ripidi valli, è invece ridentemente pieno di alberghi.

Ma a che si deve tanta fama?

Alle terme, in funzione da sempre ma ora riviste con criteri moderni. Due paesi due terme, abbastanza simili: ecco i link all’una e all’altra.     Molto grandi, fatte per passarci l’intera giornata con 30 – 40 euro. Non pochi, ma meritati. Molto diverse dalle terme ungheresi e dalla loro atmosfera.

Entrambe le terme hanno due parti nettamente distinte. Una per le famiglie con piscine per nuotare, scivoli e giochi d’acqua. Niente a che vedere con i famigerati Aqualand, ma pur sempre un ambiente dove far sfogare la prole.

Poi c’e’ la seconda parte, solo per gli adulti. Perchè vi si sta inderogabilmente ignudi di tutto. E lì vi sono numerose cose: saune a temperature diverse, saune con i colori, saune con i profumi, sale oscure di meditazione, sale luminose di relax silenzioso, bagni turchi di vario tipo, piscinetta jacuzzi all’aperto con vista sulle montagne, docce fra le rocce, sauna con spettacolo mistico-sciamanico, distributori di acqua potenziata da cristalli alpini, lettini per il sole, bar e ristorante.  Prima di averle provate tutte, si è fatto sera. Il prezzo è altino, ma ne vale lapena, senza dubbio.

Molto di tutto ciò all’aperto, estate ed inverno. Molto suggestivo stare nudi nella jacuzzi in mezzo alla neve, tanto c’e’ la sauna, basta sbrigarsi a rientrare.

La parte un pò ridicola, ma molto istruttiva è la nudità forzosa, stemperata solo dall’utilizzo dell’accappatoio (fornito dalle terme) negli spostamenti fra una piscina e una sauna.

E si possono notare un sacco di cose interessanti: le persone, più son vecchi (e ve ne sono di numerosi) e più sono sfacciati e non si vergognano ormai di niente. Oppure che anche da nudi si riconoscono le classi sociali! Dalle pettinature raffinate delle signore, dal modo di muoversi. E i ricchi nudi sembrano più indifesi dei poveri nudi. Poi ci sono gli esibizionisti che non ce la fanno a trattenrsi e riescono a dimostrare di esserlo anche in un luogo in cui pur sembrerebbero fuori gioco: li tradiscono certe posizioni innaturali, fanno passerella. I belloni e le bellone, invece, sono irruenti, sicuri di se stessi, forse con un velo di preoccupazione di non farcela. Gli habituès, riconoscibili d’estate dalla perfetta abbronzatura integrale, sono un pò snob ed hanno un’aria leggermente infastidita dalla presenza dei nudisti dilettanti un pò impacciati.  La poppona sfoggia, il vecchietto sbircia. Le coppiette si scervellano per trovare il sistema di trafficare.

Ci troviamo in ambiente teutonico e quindi valgono le loro leggi sociali spesso ottuse: il nudsmo è obbligato e se il costume viene conservato oltre l’ingresso dell’area riservata c’e’ l’immancabile bagnante zelante che viene a dirti di toglierlo. Si assiste all’assurdo. Se il nudismo è libertà dagli abiti e dalle costrizioni della società, in queste terme è anche obbligatorio. Si obbliga quindi alla libertà. Si costringono le persone a non avere costrizioni. Tutto ciò non solo è contraddittorio, ma anche completamente ridicolo. Il nudismo dovrebbe essere una opzione a disposizione di chi la vuole, come in qualunque piscina o spiaggia, per non dire via o piazza pubblica. Ma è certamente inutile pensare di spiegare questo delicato concetto alla mente tetragona di un tedesco o similtedesco.

Queste terme valgon bene un viaggio: sono molto istruttive!

Budapest

056
La profondissima metropolitana, concepita anche come rifugio antiatomico.

Bella, importante anche se pesante ed un po’ tetra, Budapest merita diversi giorni. Il Viaggiatore Critico non è una guida, vuole solo interpretare i luoghi. Si limiterà quindi a consigliare i luoghi più meritevoli e quelli da evitare.

– Buda, la parte alta va visitata di notte, arrivandoci con il bus a cremagliera o a piedi. Evitare la folla fastidiosa della giornata. Bei ristorantini, un po’ carucci alcuni, addirittura esosi altri.
– Inutile la visita alla cittadella.- Inevitabili le terme: Szechenyi e Gellert. Sono grandi, famose, molto frequentate da turisti e da residenti. Forse più i primi dei secondi, e ciò sciupa un pò l’atmosfera; molto mondana, a differenza delle piccole terme di paese.
– Nella piazza del Gellert vi è una gradevole enoteca dove si possono assaggiare un gran numero di vini ungheresi. Non economica e lentissimi nel servizio.
– Prendere il tempo di andare al non vicino quartiere di Obuda a vedere la deliziosa piazza ed il sorprendente museo di Vasarely, importante pittore ungherese, ma vissuto in Francia, conosciuto per i suoi giochi di forme e per gli effetti tridimensionali delle sue tele. In piazza ci sono un paio di ristoranti “da cerimonia” più per i locali che per i pochi turisti che capitano da queste parti; piatti tradizionalissimi e servizio professionale.
– Il mercato centrale coperto è una bella struttura e ci sono molti banchi ancora “veri”. Al piano di sopra una galleria con variopintissimi chioschi di cibo: turisticissimo. ma anche bellino da fare, per una volta.- Evitare il paio di strade che è il centro moderno, squallidissimo.
– Da frequentare la vita notturna, assai intensa. Io comincerei da Via (Utca) Nagymezo dove si trova soprattutto un bellissimo pub nelle rovine, curiosa caratteristica di Budapest. Ve ne sono diversi: si tratta di interi palazzi abbandonati che vengono trasformati in giganteschi locali, ognuno con varie barre e un dedalo di stanze su più piani. Il tutto in stile “occupazione”, ma con intenti del tutto lucrativi. Frequentati ovviamente da giovani progressisti; bella atmosfera e ci si può conoscere, in inglese, della gente. Carini anche i dintorni064 di Piazza (Ter) Liszt Ferenc. Da evitare i dintorni della Basilica di Santo Stefano.
– E’ necessario passeggiare un po’ sul Danubio ed attraversare a piedi qualche ponte. E’ pur sempre un fiume magico che arriva fino al Mar Nero.
– Scenografico il museo di arte contemporanea, anche se non contiene troppo grandi cose.

Il famoso palazzo del Parlamento è molto visitato ma non credo che ne valga la pena. Ma di notte, dall’altra riva del Danubio, la sua fortssima illuminazione è certamente accattivante e regala qualche bella foto. Peccato che come simbolo della democrazia, nella attuale semidittatoriale Ungheria, abbia perso molto.

In una visita dormii, con grande ed infantile soddisfazione, in una vecchia chiatta da crociere, ormai destinata ad hotel perennemente ancorato poco fuori del centro. Ero felice di dormire nel Danubio e non solo sul Danubio.

Per i più porcelloni dirò che Budapest è la Hollywood del cinema porno. La bellezza e la spigliatezza delle sue donne, l’eccellente livello tecnico del cinema ungherese, i costi bassi delle realizzazione, fanno sì che gli studios specializzati in queste produzioni siano numerosi. Non se se vi sia un turismo legato a ciò.

Budapest si gira molto bene in bicicletta. In una mia visita ci andai in macchina caricandovi le biciclette. Parcheggiammo all’arrivo e girammo tutto il tempo esclusivamente in bici. Ci sono molte piste pedonali e gli automobilisti sono rispettosi. Lungo il Danubio ci sono anche lunghi tratti solo per bici. Un grande piacere ed una grande comodità. La città è anche facile da comprendere nelle arterie principali.

 

Il Balaton

IMG_20150607_200347Vi consiglio il Balaton, in Ungheria, solo se siete appassionati di storia del turismo ed anche un po’ masochisti. Non è un gran bel posto e non è nemmeno molto allegro. Sta fra il malinconico, il tetro, il popolarissimo, il demodè e la menopausa. Insomma, un gran lago che si vorrebbe mare, ma non ce la fa.
Eppure il Balaton fu un centro turistico importantissimo negli ultimi decenni del’Impero Austro-Ungarico, prima della I guerra mondiale. Vi affluivano da Vienna e da Budapest piccola nobiltà e buona borghesia. Quelli che non si potevano permettere di andare sull’unico mare dell’Impero: Trieste e l’Istria. Vi andava il ceto moderno che si apriva ai costumi liberali, goderecci: uomini e donne insieme.

Il lago ha, quasi ovunque, rive bassissime ed un po’ fangose. Per evitare le camminate nell’acqua bassa venivano fatte delle lunghe passerelle in legno che portavano a delle piattaforme sull’acqua, là dove era un po’ più fonda e vi si potesse stare almeno un po’ immersi. E ci sono foto di queste piattaforme piene di robusti giovanotti con i baffi a manubrio ed i loro costumoni a salopette in compagnia di eleganti donnine con le cuffiette di trina, l’ombrellino ed una veste-costume che lasciava vedere un po’ di gambe, braccia e scolli. Le forme non erano affatto nascoste. Balli la sera e passeggiate lungo i viali di platani.

Ed ancora oggi è un po’ così. Le rive sono molto spesso occupate da stabilimenti balneari più o meno grandi e più o meno eleganti, comunque dignitosi. Non vi è spiaggia, ma prati che danno sulla riva fangosetta e l’acqua molto bassa per lunghi tratti. Si sta volentieri sul prato, al bar, al ristorante, in piscina. Ideale per i bambini e le famiglie, gradevole per i pensionati, una boccata d’aria nuova per il ceto lavoratore. Ristoranti in quantità. Una certa vita notturna anche per i giovani stranieri a Siofok, anche se sembrano prevalere i ragazzotti anglosassoni attirati dalla birra a vil prezzo.

Balatonfured più elegante e cara, con porticciolo ricco di barche. A Kesztheli, al margine occidentale del lago, delle belle architetture neoclassiche.

IMG_20150607_195812Una buona idea può essere quella di fare il giro del lago in bicicletta. Ovunque alberghi, pensioni, B&B dove fermarsi e similspiagge dove distendersi. Ci sono molte piste ciclabili o strade di scarso traffico. C’e’ anche il treno (che prende le biciclette) su ambi i lati, quando siete stanchi od annoiati. I prezzi sul Balaton sono un po’ più cari che nel resto del paese.

Da non dimenticare che le colline intorno al Balaton danno degli eccellenti vini (detto da un italiano). Aggirarvisi in macchina e fermarsi alla fattorie o in certi non infrequenti agriturismi può darvi delle belle sensazioni anche etiliche. Nei dintorni delle terme anche interessanti come quelle del lago di Heviz.

E’ consigliabile una visita al Balaton? Direi di no, se non per una rapida visita per togliersi la curiosità di vedere un lago così grande in mezzo all’Europa o per vedere da vicino cosa fanno quelli che vanno al lago invece che al mare. Chiamamolo voyeurismo turistico. Ma se avete pochi giorni, saltatelo pure a piè pari.

Le terme ungheresi

062La particolarità gradevolissima dell’Ungheria sono le terme. Sono tantissime, ovunque e molto molto consigliabili. Sono terme vere; non hanno niente a che vedere con quei patetici concentrati di vuota boria, insulsa ed esangue, che sono le cosiddette terme in Italia (ma anche altrove). Luoghi, spesso, anche ambigui. E nemmeno con quelle, a nudismo forzato, di tipo tedesco.

Le terme ungheresi sono una miscela fra le antiche terme romane ed il parco dei divertimenti per famiglie. Sono sempre pulitissime, accoglienti, gradevoli, ben organizzate, sicure per i beni lasciati allo spogliatoio, fornite dei vari servizi aggiuntivi necessari come bar e ristoranti, massaggi e cure mediche. E sono sempre ricche di acqua tiepida, calda, a volte caldissima, miracolo del sottosuolo ungherese. Tutte le terme ungheresi, infatti, sono naturali: l’acqua sgorga calda o caldissima dalle profondità telluriche. I prezzi non sono popolarissimi, secondo il livello di vita unghrese, ma rispetto ai servizi offerti e confrontati con i prezzi delle terme italiane, sono assai moderati. E’ una vera gioia andarci, fa bene al corpo e allo spirito.

Le stupefacenti terme di Szechenyi a Budapest    Foto di Andorka (Opera propria), Wikimedia Commons

Sono spesso assai vaste, ricche di molte e diverse piscine, di varie temperature e di varia destinazione: ci sono giochi d’acqua come scivoli e correnti fortissime che vi travolgono, ci sono piscine di rilassamento e meditazione; zone per sedersi a conversare con amici e sconosciuti (ma in che lingua?). Non mancano saune e bagni turchi e vasti spazi all’aperto durante l’estate o all’interno durante l’inverno, per sdraiarsi, riposarsi, leggere, fare un sonnellino. Una vera festa per rilassarsi. Se ne esce lessi, stanchi e felici. Dal momento che l’acqua è naturalmente calda, molte piscine all’aperto funzionano anche d’inverno, con la neve e fra la nebbia.

Vi è sempre e comunque un’aria famigliare, composta ma amichevole; alla buona, ma degnissima e rassicurante. Se volete un po’ nazional-popolare, ma nel miglior senso della parola. Giovani e vecchi mescolati, senza esibizionismi degli uni o vergogne degli altri. Un ritrovo di paese, più che uno sfoggio di fisici tirati. I vecchietti vanno a giocare a scacchi nell’acqua. Il personale è numeroso, robusto e un po’ burbero, come si addice ai forti. Anche nelle terme più lontane dai flussi turistici è sempre possibile capirsi, in qualche modo.

La cosa più stupefacente è la loro frequenza: ce ne sono moltissime, anche in centri minori dove non troverete mai un turista straniero. E, forse, queste terme minori, periferiche, sono le più vere e le più piacevoli. Ed è una bellissima idea andare in giro in macchina, quasi a casaccio, e visitare, una dopo l’altra, giorno dopo giorno, diverse terme in diversi paesotti in mezzo alla dolce campagna. E dopo le terme calde, una cena con gli enormi piatti della cucina ungherese. Finirete la vostra vacanza grassi e rosei come dei maialini, e felici!

Le terme più grandi sono a volte divise in due settori: una per le famiglie ed un’altra, più cara, per gli adulti, più tranquilla e meglio curata. Ovunque (con l’eccezione di alcune terme a Budapest) sessi mescolati ed ovunque uso del costume, non pensate nemmeno lontanamente a togliervelo.

Le terme più curiose sono quelle di Heviz, vicino al lago Balaton,  dove vi è un vero e proprio laghetto, molto profondo, di acqua più o meno calda dove restare in ammollo.  E’ stata costruita un’isoletta, su palafitte, al centro del lago; sopra vi sono i locali per riposare, il bar, ecc. Sotto il pavimento, fra le palafitte, immerse, ci sono le bocche dell’acqua calda che sale dalle zone più profonde del laghetto. La gente sciaguatta lì sotto, contendendosi con civiltà i luoghi più caldi. Poi sale le scale e si sdraia a riposarsi. Tutti usano dei tubi di plastica colorata come salvagente: sarebbe impossibile nuotare a lungo in quest’acqua così calda, si rischierebbe lo svenimento.

Nel paese circostante un gran numero di alberghi e ristoranti di tutti i tipi. Molti gli stranieri, tedeschi e austriaci, spesso di età anche avanzata. Atmosfera un pò triste, non lo consiglio troppo.

A Budapest le più famose sono quelle di Szechenyi, vicino al centro: grandi, neoclassiche, multiformi, vecchiotte, piene di fascino, di gente, di stranieri e di italiani. Meravigliosa la piscina centrale, all’aperto, d’inverno. Consigliatissima. Belle anche le terme dell’Hotel Gellert, aperte anche ai non clienti.

Quelle, molto grandi ed affollatissime di Bükfürdő, nazional-popolarissime, ma anche divertenti.

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/f0/Medicinal_Bath_H%C3%A9v%C3%ADz_01.jpg
Il Laghetto termale di Heviz pieno di bagnanti. Da Wikimedia Commens

Ma il meglio è in giro per il paese. Per orientarsi con i cartelli, sembra di capire che il termine fürdő voglia dire terme in senso generale, compreso quello sanitario. Mentre che gyógyfürdő sarebbero le terme ricreative. Purtroppo non ho mai trovato un sito con una vera carta delle terme ungheresi. C’e’ qualcosa in tedesco,  ma non è completissimo.

Il mio consiglio è di girare da una terma all’altra, magari in bicicletta, all’inizio dell’estate. La beatitudine!

IMG_20150607_145254
Vicino a Bukfurdo, nella città di Szombately vi è la ricostruzione del tempio romano ad Isis.

La bella Ungheria

035E’ veramente un peccato che l’Ungheria abbia preso una via politica brutta e che negli ultimi anni abbia avuto delle posizioni veramente sgradevoli sugli affari europei e dei migranti.  Peccato proprio, perché sarebbe un bellissimo paese, da frequentare volentieri.

In realtà non c’e’ niente di clamoroso da vedere o da fare; ma vi è un insieme di piacevolezze che rendono la visita, ed anche un soggiorno un pò più lungo, una cara esperienza.

I prezzi son comodi, le strade facili, le persone gentili e riservate, il cibo buono ed abbondantissimo, gli alberghi frequenti, le distanze modeste. Tutti vantaggi con pochissimi contro: una lingua osticissima compensata da una certa diffusione dell’inglese, una buona presenza del tedesco e, fra i più anziani, la padronanza del russo, nel caso che ciò vi aiutasse.

Certo, non sarà un viaggio avventuroso, difficile, da raccontare ai nipotini; troverete, invece: pace, rilassatezza, tranquillità, buon vivere. A volte fa piacere.

Il Parlamento a Budapest      Di KittyKati727 (Indafotó) Wikimedia Common

Vi è inoltre un aspetto che interesserà i più giovani. Le donne ungheresi sono strepitosamente belle. E sembrano anche assai simpatiche. Il vostro Viaggatore Critico ci è andato alcune volte in Ungheria, anche molto recentemente, ma sempre in coppia e non saprebbe dirvi…

Vi consiglia invece una cosa: è andato in auto con le bici sopra ed ha girato con queste Budapest, risparmiando un sacco di tempo e divertendosi in totale sicurezza. I ciclisti, infatti, sono numerosi, rispettati e dotati di molte piste.

064Il Balaton, l’enogastronomia, Budapest, le terme importanti e quelle piccole, il Danubio con le sue crociere, i paesaggi rurali, il ritmo della vita sono i punti centrali del viaggio.

Un grande si all’Ungheria, speriamo guariscano presto dalla loro attuale malattia politica.

 

La vera sauna finlandese.

Mio nokia1546
La casetta della suana con il pontile da cui tuffarsi nel lago.

La sauna finlandese non ha niente a che vedere con quelle che vediamo da noi, nelle spa nostrane che sono quasi sempre luoghi falsamente ricercati, ondeggianti fra smanie salutistiche e luogo da rimorchio. Dove impera una fasullissima ricercatezza di atmosferiche esotiche.

Le saune in Finlandia sono vere, concrete, ruspanti; i finlandesi ci vanno anche tutti i giorni per riscaldarsi a fine giornata e per lavarsi prima di cena. Sono ambienti semplici e pratici, senza nessuna ricercatezza.  Ci sono saune private, della famiglia; oppure sono di pubblico accesso come quelle degli alberghi, dei campeggi, dei circoli sportivi. Ci sono infine le saune pubbliche dove tutti possono accedere pagando un biglietto d’ingresso.

Le saune pubbliche sono spesso miste e quindi ci si va in costume e senza pensieri reconditi. Che io sappia non esistono saune di accesso pubblico in cui i generi si mescolino nudi. Quelle degli alberghi o sono miste e quindi con costume o sono separate per uomini e donne e ci si può stare nudi. Alcune sono prenotabili ad ore e quindi sarà ad esclusiva disponibilità della famiglia o del gruppo di amici che l’hanno riservata. Nella sauna si suda, ci si rinfresca sulla terrazza o nell’acqua, si risuda ed infine ci si lava, ci si riveste e si va via (non ci si passa mezza giornata a ciondolare, come da noi). Ripeto, è una faccenda pratica che serve a riscaldarsi dopo il freddo preso durante la giornata ed a lavarsi. E’ una cosa da contadini di patate, da pastori di renne, da pescatori di salmoni, non da signorini da ufficio.

Ma prima di andarsene è quasi d’obbligo bersi una birra. Ed è tipico vedere le famigliole che vanno alla sauna con un cestino di vimini in mano, in cui sono bevande e spuntini. Tutta la cerimonia dura un’oretta ed è una cosa semplice e naturale come per noi andare a prendere un caffè al bar. I costi sono contenuti, sotto i 10 euro a persona; negli alberghi è solitamente gratuita. Nella sauna si può parlare, ed anche i timidi finlandesi si scaldano abbastanza da rivolgere la parola agli sconosciuti. Non sono affatto quei luoghi mezzi mistici come piacciono ai tedeschi.  Sono più simili alle gradevolissime terme delle piccole città ungheresi. Assolutamente impensabile associare alla vera sauna finlandese dei giochi di acqua tipo Aqualand.

Ma il punto a cui i finlandesi tengono di più è la natura della sauna: ci sono infatti quelle banalmente elettriche quali si trovano da noi oppure ci sono quelle tradizionali, a legna, reputate, di gran lunga, le migliori. Queste ultime sono sempre in casette di legno, spesso sul bordo del lago. Un angolo della costruzione è in mattoni, in modo che il fuoco della sauna non si propaghi alla costruzione in legno, e contiene una stufa a legna con sopra le pietre che si riscaldano e che diffonderanno lentamente il calore. I finlandesi sono convinti del fatto che in questo modo il caldo è più simpatico; il fumo che inevitabilmente esce dalla stufa annerisce la sauna e conferisce un buon odore di affumicato. Per questo motivo è detta anche sauna affumicata, smoked.  Se avete prenotato questo tipo di sauna solo per voi e per la vostra compagnia, sarà buona educazione, al momento di andarvene, riempire la stufa di legna per dare il massimo di calore al vostro successore. Può succedere che sia necessario spaccare e segare la legna, accatastata fuori. Nell’anticamera della sauna vi è una ulteriore stufa con sopra un serbatoio di acqua, sempre molto calda, con cui lavarsi alla fine della sauna. In realtà è molto più un sistema per riscaldarsi e lavarsi in compagnia, piuttosto che una esperienza di relax. Si prende una tinozza, si riempe di acqua calda aggiungendo acqua fredda per avere la temperatura desiderata e con quella ci si lava. Ci si insapona, ci si sciacqua, le mamme lavano i bambini, i ragazzi fanno casino, il babbo sorveglia che nessuno si avvicini alla stufa incandescente. Schizzi dappertutto, vapore, calore a mille, tutti rossi come gamberi, palle e tette all’aria: una festa pagana. Dopo fame e sete da lupi: birra e pane nero con sottaceti, salumi affumicati e formaggio. Abbondano ovunque secchi, tinozze e scope per lasciare tutto pulito alla vostra partenza.

Un viaggio in Finlandia senza numerose saune non ha senso; il problema, magari, risiede nel fatto che un italiano, poco abituato, avrà la tendenza a farne troppe, e sorattutto troppo lunghe e finirà con la pressione bassissima. Il segreto credo stia nel copiare gli inventori: le saune si devono fare spesso, brevi ed entrando nella stanza calda non più di due o tre volte.

Affascinante fare una sauna d’inverno ed uscirè nell’oscurità, gettandosi nel lago; la cui superficie ghiacciata è stata rotta per voi, poco prima, a colpi d’accetta. A raccontarlo sembra follia, ma è invece normalissimo. Il calore accumulato nella sana è talmente tanto che si ha il tempo di fumare una sigaretta, tutti nudi e bagnati a diversi gradi sotto zero, prima di sentire il freddo e di rifiondarsi nella sauna. La faccenda ha i suoi pericoli: una volta, sono scivolato nel fango del fondo del lago e mi sono tagliato sulla schiena con il ghiaccio intorno al buco in cui mi ero immerso.

Bisogna fare di tutto per provare almeno una sauna affumicata, come questa (ma non è affatto necessario dormire nell’albergo, pittosto bruttino, che l’ha “inglobata”).