Isola di Fogo, Capo Verde. La fine di una storia complicata ed istruttiva.

Il lato brutto della bella vicenda finora narrata ha un nome ed un volto.

La popolazione di Cha das Caldeiras è una popolazione montanara, abituata alle difficili condizioni del luogo, arido, a volte freddo, ostile, solitario. Nelle isole di Capo Verde la violenza è assai diffusa, probabile retaggio delle angherie commesse dai Portoghesi; gli abitanti di Cha non sfuggono alla regola: molte botte ai bambini e alle donne, le quali non risparmiano coltellate. Profondi odi fra gli uomini, alcolismo devastante, un antico omicidio legato ad un furto di fichi. Una popolazione in perenne fregola, in quella frenesia sessuale tipica del mondo africano lusofono: molte le storie di corna. Sordi rancori intestini covano nella popolazione.

In questo difficile amalgama trova il modo di emergere ed imporre la sua volontà un uomo. In questo percorso è accompagnato da sua moglie, appartenente alla famiglia dello storico Presidente della Repubblica di Capo Verde.

Quest’uomo, conosciuto con il soprannome di Neves, riesce a forza di costanza, ingegno, abilità, carisma e moltissimo pelo sullo stomaco a diventare assolutamente centrale nei rapporti con i progetti di cooperazione internazionale.

Sarà il Presidente della Cooperativa degli agricoltori di Cha che producono il vino e gestiscono il bar e l’alberghetto e lascerà la sua carica solo al figlio, ancor più spregiudicato. Tutto passa per le sue mani; distrugge chi osa mettersi di traversa alla sua corsa.

Deciderà le quote che ogni produttore di uva può consegnare alla cantina. Il maggior fornitore è certamente lui stesso; gli altri, se vogliono consegnare devono pregarlo. Ad alcuni lui compra l’uva, a più basso prezzo, e poi la consegna come se fosse sua.

Controlla la vendita delle ricercatissime bottiglie. Molte le compra lui e le rivende ai negozianti a più alto prezzo. Usa la macchina del progetto senza misura. La moglie riceve uno stipendio dal Ministero dell’Agricoltura senza fare un minuto di lavoro. Quindi compra l’uva a meno e rivende il vino a di più, doppio guadagno.

Tiene in mano una contabilità che nessuno può relamente controllare. Impedisce a uno o due altri produttori “evoluti” di entrare nella cooperativa per non dover render conto a chi sarebbe in grado di controllare la gestione e la contabilità e di smascherare le sue frodi. Aizza contro di loro il resto degli abitanti di Cha.

Impedisce che i fondi disponibili per il turismo siano distribuiti fra le case che fanno da B&B per effettuare dei lavori di miglioria e renderli più facilmente proponibili ai turisti. migliorarle. Fa una tremenda battaglia perchè siano tutti spesi nella costruzione di una struttura e-nova. Che lui ed il figlio controlleranno impedendo che i proventi del turismo vadano ripartiti fra la popolazione.

Insomma, il miscuglio di un patriarca, un feudatario, un caporale, un padrone, un mafioso, soprattutto.

Le ONG che gestiscono i progetti, sostanzialmente il COSPE, si inginocchiano di fronte a costui. Egli permette loro di lavorare senza inconvenienti; è la cinghia di trasmissione fra il progetto e la popolazione. Basta parlare e mettersi d’accordo con lui e tutto scorre. Si parla con il feudatario, il popolo seguirà. Ti metti contro il feudatario? Il progetto collasserà e i finanziamenti (stipendi per il personale italiano compresi) si asciugheranno.  Una perfetta complicità. A spese dei veri interessi dei piccoli produttori di uva e dei contribuenti italiani ed europei che sarebbero stati contenti di aiutarli: i piccoli produttori, non il feudatario ed i tecnici italiani.

E tutto gestito con grande senso della misura. Un minimo di benefici a tutti, comprare i più in vista (aumentando le loro quote di uva consegnata alla cantina), non smuovere le acque, far apparire tutto liscio. Del resto, gli abitanti di Cha sono così rozzi, poveri e sottomessi che non potranno controllare, rivendicare, reagire. Il perfetto gregge.

Ma vi è una giustizia, purtroppo cieca e crudele.

Nel 2014 una nuova eruzione, gravissima, distrugge quasi completamente il paese, compresa la cantina, il magazzino, il bar e l’alberghetto. Nessun danno alle persone, ma tutto è perso. La popolazione è evacuata e questa volta ben diffcilmente potrà tornare. Il video è bellissimo ed è fatto proprio da un discendente del Montrond francese. Interviene l’esercito: le botti con il vino, le attrezzature, i materiali vengono portati via dalla cantina, costeggiando il fiume di lava. Indovinate dove vengono portate. Naturalmente a casa del boss, che è stata del tutto risparmata dal vulcano!

Il Viaggiatore Critico consiglia molto fortemente la visita a Cha das Caldeiras. Il luogo è stupendo, il paese non esiste più e questa storia è stata raccontata.

Isola di Fogo, Capo Verde. L’inizio di una storia complicata ed istruttiva.

Il vulcano di Fogo con le piccole viti. Foto di F H Mira attraverso Wikimedia Commons

Questa è una storia complessa ma molto, molto istruttiva.

Fogo è una bellissima isola di Capo Verde, vicina a Brava. E’ un solo enorme vulcano spuntato dall’Oceano. Al culmine vi è un immenso cratere vulcanico (caldera) di molti chilometri di diametro, i cui bordi sono parzialmente crollati. Il fondo della caldera è relativamente pianeggiante e sta sui 2000  metri sul livello del mare. Un lato della caldera ospita un paesino di un migliaio di abitanti chiamato Cha das Caldeiras. Dalla caldera emerge imponente un ulteriore e piu’ recente cono vulcanico, chiamato Pico, che arriva a quasi 3000 metri. Per dare un’idea è un cono gelato con la bocca che poggia in una scodella. Stravaganze della natura.

Il luogo è assolutamente sensazionale. Il paesaggio vulcanico, nero e bruno; l’imponenza del Pico; l’assenza, in  molti luoghi, di ogni tipo di vegetazione; le colate che si intersecano e si sovrappongono; la grossolana, leggerissima e nera sabbia vulcanica che copre il terreno; questi son tutti elementi di assoluta meraviglia ed estranamiento. Da visitare con calma e raccoglimento. E’ un paesaggio che stordisce.

A quell’altezza il clima permette la coltivazione, in certi angoli del cratere, di piante da frutto come il melograno, le prugne, le mele ed anche certi vitigni che danno uve di grandissima qualità intrinseca. Tradizionalmente queste uve davano un vino, chiamato Manecon, che, prodotto senza alcuna tecnica, era di pessima qualità. Per cercare di mettere in valore quell’eccellente uva, gia’ molti anni fa, la Cooperazione allo sviluppo tedesca fornì tecnici e fondi per creare una cantina tecnificata dove si producesse del vino migliore di quello tradizionale.

Nel 1995 una forte eruzione distrusse alcune case e portò all’evacuazione totale della popolazione. La cantina venne inghiottita a metà dalla lava: restò solo il portico, a monito.

Il paese, di qualche decina di abitanti, fu evacuato ed il Governo di Capo Verde, molto saggiamente, costruì delle casette fuori dal cratere e le consegnò agli sfollati che lì avrebbero potuto ricominciare la loro vita, al sicuro. Ma loro, no, montanari testardissimi, vollero tornare a Cha, una volta finita l’eruzione e raffreddata la lava. Fecero nuove case e ricominciarono a vivere tranquilli, seduti su un vulcano attivo. E’ una popolazione un pò strana, che si è ritirata lassu’, in montagna, un centinaio di anni fa e che non si intende con il resto dell’isola. Si dicono discendenti di un conte francese, Montrond, spiaggiatosi a Fogo subito dopo la Comune di Parigi. Si credono differenti dagli altri abitanti, speciali; ma il livello di consanguineità è alto, e sono frequenti i comportamenti perlomeno bizzarri.

In questo irragionevole intestardimento ebbe il suo, modesto, ruolo anche una ONG di Firenze, il COSPE, che, negli anni, ha trovato non pochi fondi italiani ed europei per la cooperazione allo sviluppo. Una nuova cantina è stata fatta e ben equipaggiata, poi è stato costruito un magazzino e si è fatta molta formazione.

Si produceva del vino bianco, del rosso, del rosè, del passito e della grappa. La cantina, sociale, ha assorbito, anno dopo anno, sempre più uva degli agricoltori che preferivano smettere di fare in casa la loro ciofega tradizionale e trovavano più conveniente consegnare alla cantina la loro produzione di uva. La tecnica era ancora imperfetta, ma, quando tutto andava bene, il rosso era di un livello di assoluta eccellenza mondiale. Difficile invecchiarlo, i clienti se lo litigavano.

E ciò si spiega facilmente: l’eccezionale soleggiamento della zona; l’alternanza di temperatura alta di giorno e fredda di notte; la grande aridità; il suolo vulcanico ricchissimo di elementi minerali; il vitigno locale perfettamente acclimatato, son tutti elementi che congiurano favorevolmente a sviluppare gradi zuccherini ed aromi molto potenti. Se ben vinificata è un’uva che da vini eccezionali. Molti storcono il naso a sentir parlare di vino di Capo Verde; ma una volta assaggiato ne restano deliziati.

Le cose andavano molto bene, il livello di vita degli abitanti di Cha migliorava. E il numero degli abitanti aumentava per semplice generazione locale. Non c’era più bisogno di emigrare sulla costa dell’isola. Si poteva restare, coltivare la vigna e fare altri figli.

Le cose andavano bene anche al COSPE. Di finanziamento in finanziamento il lavoro non mancava. Per una ventina d’anni la cosa continuò, sia pure a stop and go, come usa spesso fare la coperazione internazionale. I progetti si susseguivano: per migliorare la cantina, per formare meglio i produttori, per aumentare la produzione. Furono spesi alcune centinaia di migliaia di euro.

La ONG era di Firenze e si volle applicare il famoso modello toscano che vuole associare turismo culturale al vino ed alla gastonomia. Il turismo, del resto, era già presente a Cha: non sono pochi i visitatori che salgono sul Pico. E’ una passeggiata impegnativa per la lunghezza ed il dislivello, ma senza tratti pericolosi. I ragazzi di Cha facevano le guide, guadagnando bene ed aprofittando per molestare, a volte ricambiati, le ragazze gitanti.

Cha ospitava già un semplice alberghetto, di un francese, e un buon numero di abitanti affittava delle misere stanze nelle loro catapecchie. Turismo d’avventura, di bocca buonissima. Ma gli abitanti vedevano un pò di soldi fra le passeggiate e gli affitti; qualcuno faceva anche da mangiare. I turisti rimanevano estasiati dallo straordinario paesaggio e dall’accoglienza di questa popolazione di montanari meticci completamente fuori dal mondo e dalle strane abitudini.

Il COSPE, quindi, costruisce un bar, che mancava, ed una casetta con 6 stanze per i turisti. Il tutto gestito dalla cooperativa degli agricoltori di Cha, la stessa che faceva il vino nella cantina. Un bell’esempio di turismo solidale, come si suol dire!

E qua cominciano i problemi e la storia, così bella finora, gira male. Eccone il seguito.