L’olio di palma

Frutti di palma da olio. Questi vengono bolliti per l’estrazione. Foto di oneVillage Initiative – Jukwa Village & Palm Oil Production, Ghana via Wikicommons.

Ogni turista che si sia aggirato nei paesi tropicali sarà passato accanto o avrà attraversato, una piantagione di palma da olio. Proprio quella che produce il famigerato olio di palma, scacciato dai nostri cibi da qualche anno; in seguito ad una campagna irrefrenabile contro quest’olio.

Dal momento che è bene capire quel che si vede durante il viaggio (se no tanto vale restare sul divano) proviamo un po’ ad esaminare queste palme che l’ignaro viaggiatore avrà trovato bellissime ed avrà fotografato volentieri, probabilmente senza rendersi conto che stava ammirando il diavolo in persona (ironico).

Non perdiamoci nella suspense e riveliamo subito perché è nata quella campagna. Rivelazione sconcertante. E’ stata concepita, organizzata, finanziata e condotta dall’associazione americana dei produttori dell’olio di colza. Al semplice scopo di distruggere il loro principale concorrente: l’olio di palma, appunto. Trappolone nel quale i benpensanti europei sono caduti diventando, ignari, gli utili idioti al servizio dei latifondisti americani, principali sostenitori dell’agricoltura a base di chimica e di massimo sfruttamento della “risorsa suolo”. Pensate che bella cosa! Sai come se la ridono quei grassi americani con le loro camicie a scacchi!

Premessa necessaria: l’umanità ha sempre sofferto per la mancanza di materia grassa. E’ gustosissima, molto nutriente, delicata al palato. Ha anche molti altri usi: come lubrificante degli ingranaggi dei carri; come preservante antiruggine per spade ed elmi; per fare il sapone; per l’illuminazione nelle lucerne; per conservare il cibo (sottoli e sotto strutto); per proteggersi dal freddo spalmandoselo addosso; per ammorbidire il cuoio di scarpe e borse. Noi abbiamo materia grassa in abbondanza e ci preoccupiamo degli aspetti sanitari del suo abuso. Ma fino a pochi decenni fa il burro, l’olio, lo strutto erano beni preziosi e, soprattutto, rari e cari. Basti vedere l’importanza che viene data a queste sostanze nella cultura popolare. E si pensi che le balene sono state quasi sterminate non per la carne, ma per l’olio che se ne ricavava.

L’olio rosso, non raffinato, appena estratto. Foto di Palm Oil via Wiki Commons

Ogni popolo aveva le sue fonti di materia grassa: i siciliani usavano l’olio di oliva; i trentini il burro di latte di vacca; i tedeschi lo strutto di maiale.

Gli africani hanno avuto in dono (uno dei pochi ricevuti) la palma da olio che cresce spontanea nell’Africa centrale, nelle loro foreste e boscaglie. La pianta produce dei grappoloni di frutti arancioni dalla parte del picciolo e neri verso la punta. Sono una sorta di datteri, ma più arrotondati e duri. Gli uomini ancora oggi vanno a raccogliere i pesanti grappoli nella boscaglia e li concentrano in certi luoghi. Lì vengono messi a bollire in un bidone da 200 litri, tipo quelli dei meccanici, sotto al quale viene fatto un bel fuoco. Si bolle a lungo e le donne rimestano il calderone fino a che la polpa del  frutto si sfibra e libera l’olio che viene a galla. (Nel frattempo gli uomini si dedicano alla estrazione del vino di palma esattamente dallo stesso tipo di pianta che fa l’olio. La stessa pianta che fa l’olio ed il vino!). L’olio che affiora viene recuperato con delle votazze e si mette nelle taniche per esser trasportato e venduto. Quest’olio è denso, rosso, ancora ricco di acqua ed alle temperature ambientali europee tende a solidificare. Il sapore è intenso, gustoso, tropicale, ha sentori di affumicato. Lo si trova nei negozi etnici con il nome di olio di palma naturale od olio rosso e può essere usato nelle nostre ricette dando un gusto particolarissimo. E’ del tutto sano, legale, autorizzato, permesso, buono. Io stesso lo utilizzo spesso, soprattutto per fare gli spinaci saltati con l’aglio.

Quelle palme native in Africa sono state portate e diffuse in tutto il mondo tropicale (equatoriale, a dirla esattamente): si tratta di una pianta che teme il fresco e che ha bisogno di moltissima pioggia (4 o 5 volte quella che cade a Roma). Quando si rispettano queste esigenza diventa generosissima: cresce a dismisura, diventa imponente e bellissima e produce a ritmo continuo un gran numero di grappoli ricchi di molto olio. Il processo di estrazione è diventato industriale e l’olio rosso viene raffinato nel comune olio al pari di tutti gli altri oli di semi.

Bellissima piantagione di palma da olio, durante la raccolta. E’ evidente come questa pianta copra bene il suolo e lo protegga, a differenza della soia ed anche dell’olivo. Foto di Papischou via Wikicommons.

L’olio di palma, grazie alla generosità della pianta che lo produce, è straordinariamente a buon mercato. Si tratta certamente della materia grassa più a buon mercato e più ampliamente diffusa che si trova in circolazione.

Grazie all’olio di palma l’umanità è uscita dalla sua perenne fame di materia grassa. E’ grazie all’olio di palma se le popolazioni povere di tutto il mondo si possono permettere di friggere o mangiare ben condito. (o volevate che gli indiani usassero l’olio extravergine d’oliva toscano a 15 euro il litro?) E’ grazie all’olio di palma che la popolazione mondiale ha la possibilità di lavarsi con dei saponi di buona qualità e di prezzo moderato. Non mi sembrano affatto cose di poco conto.

Non mi voglio addentrare nelle supposte modeste qualità nutrizionali dell’olio di palma in quanto non ne conosco i termini. Ma è certo che in nessun paese del mondo l’olio di palma è fuorilegge. Questo vuol dire che male, non fa.

Il grappolo parzialmente schiccolato. Foto di T.K. Naliaka via Wikicommons.

E’ indubbio che l’impianto delle enormi piantagioni di palma africana in Asia ed in America Latina abbia distrutto la flora originaria. E’ indubbio ed è un grande crimine. Ma non superiore a quello che fu commesso in Italia centrale quando i meravigliosi boschi di lecci e querce furono implacabilmente sostituiti dagli olivi. E non superiore alle distruzioni delle foreste brasiliane o alle praterie argentine perpetrate per piantare la soia che pur piace tanto alle elite culturali europee. O alla distruzione della boscaglia senegalese per produrre le arachidi da cui si trae l’olio.

E’ anche certo che gli oranghi hanno sofferto. Esattamente come i bisonti sulle cui praterie ora si coltiva la colza ed il girasole.

Ma nessuna si preoccupa di questi dettagli. Tutti a dar contro all’olio di palma; tutti inviperiti contro una delle più importanti risorse alimentari del pianeta. Nessuno pensa che quelle piantagioni danno lavoro (sia pure sfruttato) a legioni di operai agricoli. Nessuno riflette sul fatto che ci sono dei paesi per i quali l’esportazione dell’olio di palma rappresenta una delle poche merci da scambiare con il mondo; magari per procurarsi medicine e pezzi di ricambio.

No. I benpensanti e chic colti europei, nutriti ad olio d’oliva, il più caro degli oli comuni, hanno da ridire se gli africani finalmente possono mangiare le frittelle (che amano tantissimo, ovunque) fritte in un olio di palma decente.

Ma che vadano a fare in culo.

PS. Esiste una organizzazione che certifica l’olio di palma sostenibile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...