Monti Tatra, alti e bassi

Le forti case della zona di Zakopane, sugli Alti Tatra polacchi.

Dopo anni che me lo ripromettevo, sono finalmente riuscito ad andare sui Monti Tatra fra la Slovacchia e l’estremità meridionale della Polonia. La città più nota della zona è Zakopane, sul lato polacco della catena.

Propio sul confine fra i due stati c’e’ la catena degli Alti Tatra. E’ una vera e proria catena alpina con montagne di nuda e grigia roccia superiori ai 2.500 metri, rivestite, più in basso, da imponenti foreste di conifere e faggi. Il problema sta nel fatto che tutta la catena montuosa è lunga, da un capo all’altro, solo una quarantina di chilometri. Insomma delle Alpi tascabili; ovverosia qualche montagna in fila, semplicemente.

Le case tradizionali dei Bassi Tatra slovacchi sono più belle, meno opprimenti.

Tutto ciò potrebbe anche esser carino se non fosse per il fatto che questa catenina montagnosina è l’unica per una bella fetta di europei: polacchi, slovacchi, ungheresi, ucraini, russi, cechi ed anche per i vecchi viennesi dei tempi dell’Impero. Da ben più di un secolo, quindi, frotte crescenti di turisti si sono riversati su questi 40 chilometri di montagne, inondandole. Vi si trova di tutto: dalle vecchie costruzioni imperiali, alle ville borghesi fra le due guerre, ai centri di villeggiatura per gli operai socialisti, ai resort attuali. Tutti lì, tutti insieme.

La folla è ovunque. Vi sono funivie, seggiovie, impianti sciistici. Molti sentieri. Quelli che ho visto sono larghi, comodi, ricoperti di ghiaia, delle autostrade pedonali, concepite per sopportare grossi flussi. Dove le pietre affiorano, queste sono consunte dal passaggio di milioni di scarpe. Panchine ovunque, altalene per i bambini, all’inizio dei sentieri biglietterie per l’ingresso, chiosci di bibite, gelati e birre. Parcheggi anche sterminati. A prezzi esosi, soprattutto dal lato polacco. Tutto concentrato in quei pochi chilometri. Zakopane non è una città; è una costellazione di alberghi e ristoranti. Vi furoreggia un’architettura che deve prendere spunto da quella tradizionale in legno ma che diventa molto pesante, ridondante, greve.

Quando gli operai socialisti andavano in vacanza, a Zakopane. Ora in rovina.

Dal lato slovacco le montagne sono più scoscese e hanno reso meno facile l’assalto turistico. Non che manchi, ovviamente, ma sembra un pò più contenuto.

Gli Alti Tatra non son quindi luogo che si possa consigliare. Delle montagne ridotte a Luna Park non possono che far tristezza.

Fortunatamente vi sono i Bassi Tatra, solo dal lato slovacco. Non vi è roccia, ma belle montagne ammantate da ricche foreste, con qualche borgo tipico. Il turismo vi è solo nazionale e quindi inferiore nei numeri e più tranquillo. La zona è molto più ampia di quella degli Alti Tatra ed è divisa in tre o quattro parchi nazionali, contigui. Vi si fanno delle bellissime passeggiate su dei sentieri più o meno segnalati. Ho visto un orso.  Anche i ciclisti, su strada o su sentieri trovano le loro soddisfazioni. Frequenti piccoli alberghi o B&B dai prezzi molto comodi. Forse un pò più difficile mangiare, i ristoranti sono scarsi e spesso chiusi durante la settimana.

Bassi Tatra, Slovacchia.

La scarsità di turismo straniero fa sì che l’unica lingua diffusa sia lo slovacco. I pochi cartelli, i menu, le persone si esprimono solo in quella lingua. La cosa può essere a volta complicata.

La zona è in franco spopolamento. I borghi sono abbandonati, le case, pur mantenute in buono stato sono spesso chiuse; la popolazione vi è ormai scarsa, i negozi rari, i bar assenti. Ormai si vive del taglio delle foreste, di quel po’ di turismo e dell’emigrazione in città o in Europa. Del resto, anche in Italia, molti degli operai forestali sono slovacchi.

Ma in questa desertificazione un pò malinconica spicca, stupefacente, un elemento del tutto incongruo, a prima vista. Fra la popolazione alta, slanciata, bionda (delle donne meravigliose) si vedono delle persone di pelle molto scura, con meravigliosi occhi neri, bassi di statura con una forte tendenza all’obesità robusta, fra gli uomini (colli taurini, braccia poderose). All’inizio si pensa a dei pastori di Sri Lanka, ma poi sono troppi, sono famiglie, apparentemente parlano slovacco con scioltezza. Ebbene, sono Sinti; in certi villaggi hanno addirittura il loro quartiere (dove se entri, quello che sta nella casa meglio ti viene a chiedere cosa vuoi).  Sono poveri, hanno case malmesse, ma ridono. Mentre gli slovacchi camminano silenziosi, loro ridono (un pò come gli indiani del Quebec). Devono essere lì da secoli, i rapporti con i biondi sembrano normali, la commistione matrimoniale fra le due popolazioni, nulla. E’ sconcertante trovare in paesini fra i boschi queste due popolazioni, giustapposte, di storia ed aspetto diversissimi. Avrei voluto saperne di più, difficile comunicare.

Ma bisogna sbrigarsi ad andare sui Bassi Tatra.  Stanno tagliando le foreste (nonostante che siano in Parchi Nazionali) come forsennati. Non hanno deciso cosa previlegiare: se le foreste od il turismo; ma se continuano così perderanno entrambi.

Le crociere sul Danubio

Le navi della Viking Cruise al porto di Vienna

Non solo le famigerate crociere caraibiche, o le carissime crociere patagoniche, quelle invernali a Capo Nord o quelle archeologiche sul Nilo.  Vi sono anche le crociere sul Danubio, a conferma che alla gente piace stare seduti sul ponte di una nave e vedere il mondo che gli passa accanto.

Le crociere sul Danubio si fanno su delle chiatte: imbarcazioni molto lunghe e con i bordi molto bassi (tanto non ci sono onde), strette (devono entrare negli angusti bacini delle numerose chiuse che permettono di superare i dislivelli del fiume), leggere (il pescaggio deve essere modesto a causa dei fondali a volte bassi), lussuose (i clienti sono soprattutto pensionati teutonici, i quali amano le comodità e non difettano di liquidità).

In tre affiancate aspettando le festanti comitive dei pensionati tedeschi.

Il Danubio diventa navigabile, per queste navi, da Passau, al confine fra Germania ed Austria; da qui parte anche la ciclovia del Danubio, la più famosa e frequentata del mondo. Le crociere attraversano l’Austria con sosta a Vienna; la Slovacchia con sosta a Bratislava; l’Ungheria con sosta a Budapest, la Serbia con visita a Belgrado; per poi arrivare in Bulgaria con viaggetto in bus a Sofia. Alcune arrivano fino a Tulcea, ormai nel delta romeno del Danubio. Naturalmente ci sono crociere che partono ed arrivano dai e nei diversi porti di questa lunga catena di paesi e capitali.

Si viaggia di notte, salvo in alcuni tratti particolarmente suggestivi (dopo Passau e al confine fra Serbia e Romania) dove la navigazione è diurna. Si sosta la giornata nelle capitali che possono essere visitate e da cui partono anche escursioni per i dintorni, naturlamente con un supplemento monetario non simbolico.

Poco a velle di Passau.

Non sono come le navi da crociera marittima: niente piscine, discoteche, grandi sale, bar, ristoranti, giochi e teatri. I passeggeri sono meno di duecento, vi è un ristorante, una sala-bar-soggiorno ed un ponte per prendere il sole. Ma le cabine sono spaziose e soprattuto dotate di una grande vetrata da cui si osserva sfilare la riva che ti è toccata in sorte (o destra o sinistra). La navigazione deve finire per essere molto monotona; proprio da pensionati teutonici.  I costi delle crociere sono nettamente alti.

Il Danubio è fascinoso. E’ maestoso, calmo, imponente. Attraversa molti paesi, bagna molte capitali; una bella parte della complessa storia europea gli ha girato intorno. Arrivare sulle sue rive è per me sempre fonte di grande emozione. Sedersi sugli argini è un eccellente passatempo; invece del cadavere del tuo nemico si vedranno passare un gran numero di chiatte da trasporto merci, molte barche da diporto, canoe di sportivi, gusci dei pescatori. Ci saranno anatre, cigni ed altra avifauna variata. Io sostengo anche che l’odore del Danubio è particolare. Il colore è fangosino, nessun blu. Le acque del Danubio sono internazionali, come quelle degli oceani e quindi navigabili da tutti senza bisogno di permessi nazionali. Se non si approda non ci sarebbe nemmeno bisogno del passaporto.

In certi luoghi le rive sono alte, boscose ed il fiume serpeggia fra le colline. Ridenti borghi, fiorite case di contadini, festose birrerie all’aperto, pascoli di mucche felici, costellano il fiume, nei luoghi romantici. In altre parti scorre rettilineo in pianure anonime interrotto frequentemente da dighe e chiuse, accompagnato solamente da fabbriche e centrali elettriche. Ma anche in pianura è a volte costeggiato da fitte e fresche foreste, intrise di acqua e di zanzare, ma comunque emozionanti, perchè non sono foreste qualunque. Sono quelle del Danubio!

Meglio in bici.

E’ comunque un mondo particolare come spesso succede ai grandi fiumi (ad esempio il Delta del Po), suggestivo ed interessante.  Consiglio una visita, ma direi sulle rive, magari in bicicletta, ma non con le crociere; troppo monotono, troppo da pensionati, troppo da tedeschi.

La ciclovia del Danubio.

Mio nokia1138
Le barchette per attraversare il Danubio; se sono sull’altra riva si chiamano con un campana.

E’ probabilmente la pista ciclabile più nota al mondo. Detta in tedesco Donau-Radweg. Va dalla Germania al Mar Nero, devono essere un paio di migliaia di chilometri. Il cuore della ciclovia è il tratto da Passau (al confine fra Austria e Germania) a Vienna. Qua vi transitano più di 50.000 persone l’anno.

Il Viaggiatore Critico ha percorso circa 800 chilometri (comprese deviazioni ed errori) fra Ratisbona in Germania e Bratislava in Slovacchia. Tre paesi, due capitali, una decina di giorni, un attacco di diarrea, un piccolo ictus cerebrale dopo uno sforzo colossale. Non male. Lo sforzo colossale dovuto a un sentiero montano percorso con la bicletta sulla spalla per non aver voluto seguire la segnaletica. E di corsa, perche ero in trance agonistica. Poi una bella birra gelata.

IMG_20150602_112856
Le lussuose chiatte da crociera fluviale. Bello scendere in bici e risalire in crociera, ma caro caro.

Assolutamente da evitare il tratto tedesco: fa proprio schifo. Segnaletica scarsa, contraddittoria, fuorviante. Mancanza totale di fontanelle o di punti dove trovare acqua, bisogna bussare alle case; percorso zigzagante in campagne piatte e monotone; fondo a volte anche pericoloso. Pervicacia nel far passare la pista il più lontano possibile dai paesi, cosicchè non si trova un ristorante, un bar, un negozio, un albergo. Ciclisti trattati come pellegrini medievali appestati. Ed anche alle case dove si bussa per avere un po’ d’acqua da bere, non son tanto gentili.

Mio nokia1141Da Passau cambia tutto. Bella pista, in paesaggio gradevolissimo fra le montagne ed il fiume. Le graziose locande austriache, le birrerie con le cameriere in costume sotto gli ippocastani, i paesini ovattati dai colori pastello. Tutto come deve essere, nella tradizione zuccherosa di quel paese. Si traversa più volte il Danubio su barchette in legno, molti ciclisti, ma calmi e rilassati. Tutto molto ovvio e da famiglie, si intende. Pochissime salitelle. Sul Danubio gran traffico di chiatte da trasporto e da crociera, lussuose e carissime; bello sedersi sulla riva con la gamba affaticata e vederle passare.

Mio nokia1154
Quel che resta del confine fra Austria e Slovacchia. Questa, una volta, era la cortina di ferro. Ora un tratto di gessetto sull’asfalto.

I prezzi son comodi, le locande frequenti ed accoglienti. Attenti che queste, stranamente, non forniscono la saponetta; bisogna portarsela da casa.

Poi la cosa diventa un pò monotona con il Danubio ormai in pianura ed una serie di chiuse su cui passare. Ma è interessante vedere come le chiatte risalgono e discendono gli scalini del fiume.

Si arriva a Vienna e la si attraversa tutta. Da stare attenti al fatto che a valle della città la riva del Danubio diventa un enorme campo di nudisti e per osservare tette e culi si finisce per non vedere i cartelli della pista e fare un infinito giro a vuoto.

A Bratislava non ne potevo più e son tornato indietro in treno. Bratislava, bella, ma terribilmente turistica. Solo una tappa, da cui partire il prima possibile.

La parte austriaca è certamente molto pittoresca. Resta il fatto che è molto facile e comoda. Più una passeggiata in famiglia con i bambini che una azione sportiva. Da fare una volta nella vita, comunque.