Nador, nuova tristezza

IMG_20160220_123124
Bellissime fragole, ma certamente sature di chimica.

Ci sono ricascato. Nonostante tutto quello che avevo detto del Marocco qui e qui, ci son tornato. per poche ore, a Nador, uscendo dalla frontiera di Melilla; frontiera terrestre, passata a piedi e quindi il cambiamento fra i due lati ti colpisce immediatamente e fortemente.

E subito ho ritrovato tutta la tristezza del Marocco, di quegli uomini depressi e mal rasati, di quelle donne deprimenti ed infagottate, di quella torma di giovani esasperati dalla misera e dalla mancanza di ragazze; dallo sguardo obliquo ed incattivito. Stanno sulla porta che da sulla Spagna, in attesa che possa succedere qualcosa per gettarvicisi dentro. Sono famelici di soldi, possibilità, libertà, donne. Fanno male al cuore, sono infelicissimi. Il supplizio di Tantalo. Poi si vede il resto: il disordine delle strade, sempiterni mercati di cianfrusaglie, la sporcizia della cialtronaggine neghittosa. La corruzione e la violenza della Polizia di frontiera.

IMG_20160220_122106
Il lattaio porta a porta.

Mi sono aggirato nel centro di Nador, fra i mercati, che altro non c’e’. I commercianti sono meno insistenti che altrove, in Marocco; forse perchè i turisti sono pochissimi. Comunque ti mentono spudoratamente su tutto e ti vogliono affibbiare fischi quando tu gli chiedi fiaschi. Fanno finta di non capire, poi dicono che i loro fischi son proprio i tuoi fiaschi e finiscono per dire che i tuoi fiaschi non esistono. Scoraggiante, mi innervosisco rapidamente. Non trovo quel che cercavo, ci rinuncio.

IMG_20160220_130118
Il famoso ristorante Mahraba di Nador. Guesto gusto freddissimo, lucido, con i neon colorati è esattamente l’opposto di ciò che noi chiamiamo “accogliente”.

Sono quindi andato nel miglior ristorante della città, di quel freddo e squallido lusso che è la caratteristica principale della decorazione e dell’arredamento marocchino moderno (vedi foto). Vi ho mangiato uno scipitissimo couscous accompagnato dall’acqua, perchè l’alcool non sta bene.

Depressissimo anch’io ho preso un taxi collettivo e son tornato a Melilla dove mi son fatto una birra con le salsicce di sangue di maiale.

IMG_20160220_132125
Il triste couscous di un triste ristorante in una triste giornata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...