Hanno i turisti una responsabilità politica?

Pesante come le loro colonne, la situazione politica in Egitto.

Hanno i turisti una responsabilità politica?

La domanda è del tutto legittima; e non parlo degli aspetti ambientali, economici, sociali. In una parola, della sostenibilità del turismo o dei comportamenti del turista solidale, che son parole tanto di moda quanto povere di significato.

E non parlo nemmeno della lotta alla turistificazione che sta nascendo in certe citta particolarmente colpite dalla speculazione turistica.

Parlo proprio della politica in senso proprio; delle scelte che hanno un valore strettamente politico. Faccio alcuni esempi.

Una amica mi propone un viaggio in Dancalia; il posto mi affascina, da sempre lo tengo d’occhio, mi piacerebbe andarci. E’ un posto scomodo, è quasi inevitabile fare il viaggio con un gruppo. Mi spiega meglio come stanno le cose e fra le varie informazioni mi dice che il gruppo sarà accompagnato da alcune guardie armate. Io sobbalzo ed annullo, indignato, ogni mio interesse al viaggio. Io dico che non è possibile che un turista giri protetto da armati. E non per la sua sicurezza; ma, piuttosto, per la sua immagine negli occhi delle persone del luogo. Il turismo è sinonimo di pace e di scambio fra persone, non si può mescolare con le armi. Se c’e’ un certo numero di locali che vogliono attaccare il turista, in quel posto non ci si va, finché non abbiano risolto i loro problemi interni. Stessa cosa in Egitto. Si visitano i templi sotto il controllo delle mitragliatrici. Non è bello.

Altro esempio, sempre in Egitto. E’ corretto andare in un paese che non dice quel che è successo a Regeni? Il governo è pesantemente implicato nel caso; non sarebbe meglio il boicottaggio? Come in Turchia, dove Erdogan sta trasformando una democrazie in una dittatura personale.

Si dirà: io vado ed incontro la gente; do risorse a piccole economie familiari come le pensioni o i semplici ristoranti. Sto accanto alla gente, non mi immischio con il potere antidemocratico. E’ accettabile questo ragionamento? A me non sembra, direi che è paraculaggine. Visitare un luogo è comunque rendergli omaggio; avvicinarsi alla loro idea del mondo; portargli un saluto amichevole. Ecco, io non ho nessuna voglia di conoscere chi vota Erdogan e fa le manifestazioni in favore della pena di morte. Preferisco astenermi dal conoscerli. E non voglio esprimere nessuna vicinanza ad un paese che, nel suo complesso, permette che succeda quel che è successo a Regeni e ad un esercito di altri ed anonimi egiziani.

Bambini soldato in Africa.

Si dirà allora che ci sono tutti gli altri: quelli che lottano contro Erdogan e contro la dittatura egiziana. E’ vero, esistono e ci piacciono. Ma allora andiamo a trovare loro e trasformiamo un viaggio meramente turistico in una espressione di solidarietà politica, andando a conoscere e sostenere quegli oppositori. Il caso di Lorenzo Orsetti è molto chiaro, anche se estremo. Terzomondismo militante, si chiamava un tempo; internazionalismo militante. Magari stiamo attentini a non metterli in pericolo con comportamenti od esternazioni che a noi costano al massimo l’espulsione, a loro la tortura.

Quindi, provo disgusto per quelli che vanno apposta, proprio ora, in Egitto od in Turchia perché i prezzi son più bassi a causa delle rispettive crisi politiche. Sciacalli, li chiamerei.

Ed ancora: andiamo in Iran dove sono legali e frequentissime le punizioni corporali? E nei paesi dove è in vigore e largamente utilizzata la pena di morte? Ma allora cosa fare per tutti quei paesi che non sono democratici, ma di cui non sappiamo quasi niente, da un punto di vista politico? Nello stato padronale della Guinea Equatoriale ci andiamo o no? Andiamo in Cameroun dove ho visto, nei Commissariati, torturare ladruncoli? E quelli che vanno in Mauritania a visitare le antiche biblioteche pur sapendo che ci sono ancora gli schiavi, in quel paese?

La mia risposta è certamente NO per l’Iran. Non voglio aver niente a che fare con quel regime; non voglio incrociare uno dei loro sbirri. Per i paesi africani sono più possibilista (ma non per la Mauritania): son luoghi dove non c’e’ mai stato altro che il potere del capo. Piano, piano alcuni, stanno cercando di avere forme di potere un po’ più decenti e civili. Bisogna dar loro fiducia ed avere pazienza.

Ma invece non ho nessuna pazienza e non metterò piede negli Stati Uniti della pena di morte ai minorenni, degli omicidi dei Neri da parte della polizia, della carcerazione arbitraria, degli sceriffi eletti dal popolo. E non sarei andato nel Cile di Pinochet o nell’Argentina di Videla. Ho dei problemi anche con l’Ungheria di Orban; continuo ad andarci ma non mi sento più a mio agio.

Spero che non mi tocchi andarmene anche dall’Italia….

 

Pesantissimo Egitto

IMG_20151004_133810
La Piramide più grande, molto grande.

L’Egitto è universalmente conosciuto anche per i dipinti nelle antiche tombe. Quei leggiadri omini e donnine di stanno sempre di profilo, abbronzati e ben fasciati in abitini candidi, fanno immediata simpatia: sembrano raffigurazioni di un paradiso bucolico, ordinato, gaio. Quasi dei fumetti di un bel mondo felice, anche se si parla di morte e di defunti. A fare da cotrappunto ai dipinti, l’immensità delle Piramidi come a testimoniare che un popolo così potente da fare le piramidi era anche così gentile da fare quei dipinti. Credo che sia per questo motivo che l’Egitto risulta simpatico all’opinione pubblica mondiale e che tutti volevano andarci.

Purtroppo non è affatto così e non lo è mai stato. E non mi riferisco ai recenti e tremendi fatti di Regeni.

No, l’Egitto è uno di quei posti maledetti dove l’autoritarismo, la sopraffazione dei deboli, il dispotismo, la disugaglianza, la lotta l’hanno sempre fatta da padrone.

Il viaggiatore avvertito e non beotamente avezzo a non capire mai niente, vivrà male il suo viaggio in Egitto: l’imponenza delle piramidi gli ricorderà la fatica di migliaia di uomini impiegati per glorificarne uno solo. Visiterà Luxor, Karnak e vedrà la pesantezza di quegli sterminati templi da dove la potentissima casta sacerdotale dominava il paese e i suoi miserabili contadini. Si renderà conto di quanto le colonne di quei templi fossero gigantesche, in modo da schiacciare psicologicamente il popolo che vi circolava intorno. E leggerà nelle guide che ampie porzioni di quei templi erano vietati alle persone comuni, che pure le avevano costruite; solo i sacerdoti e il faraone potevano penetrare nelle celle più interne. Il rapporto con la divinità era cosa loro. Ed ovunque quelle scritte coprono ogni spazio possibile magnificando i potenti, che amavano cancellare quelle dei loro predecessori, nell’intento di dominare non solo gli uomini ma anche la loro memoria.  Il turista si renderà conto che questi templi sono agli antipodi da quelli greci e che, invece, si avvicinano a quelli del primo impero romano, funzionali all’installazione del comando unico nelle mani dell’Imperatore. Ancora una volta la religione come mezzo della classe sociale al comando per calpestare le altre.

IMG_20151010_112039
Colonne che ti schiacciano.

Queste rovine egiziane sono angoscianti, enormi, disumane nel loro disprezzo del tempo, che per loro passa quasi invano. Se ne esce spossati, privi di forza per continuare, spesso annoiati.

Tornando ai tempi attuali: ovunque polizia con i mitra spianati e guardiani perfidi che si nascondono dietro le colonne per beccare il turista che fa fotografie dove è proibito e carpirgli soldi con le minacce.  Perchè poi non poter fotografare con i cellulari all’interno delle tombe? Culto del sospetto, deliri spionistici; esattemente gli stessi mali di cui è morto Regeni.

E gli egittologi sono presi dalla stessa, antica, megalomania e ricostruiscono senza freni tali templi sotto l’impulso colpevole del Ministero delle Antichità che vuole trasformare, riuscendoci, l’intero Egitto in un parco tematico; basta vedere quel che hanno fatto al tempio di Hatshepsut: una ricostruzione hollywoodian e probabilmente largamente fantasiosa che, però, piace tanto ai turisti e fa incassare molti soldi fra biglietti e souvenir. Ma anche altrove, ricostruiscono come forsennati rovine che dovrebbero rimanere tali anche se così facendo restano poco comprensibili ai paganti turisti.

Ed ancora: tombe al fondo dei lunghi corridoi sotterranei, con le pareti ossessivamente ricoperte delle formule magiche del Libro dei Morti; ospitanti i loro enormi sarcofagi terribilmente pesanti: fatica nel portarli dentro, imponenza schiacciante, nessuna bellezza, solo forza.  Come nell’uso di quei graniti neri o quei porfidi rossi di estrema durezza, intatti e che contengono ancora centinaia di ore di lavoro degli scalpellini di 3.000 anni fa. Oggetti fatti per durare milioni di anni, in disprezzo del tempo, della natura, della ragione. Megalomania ed infinita arroganza. L’arroganza del potere assoluto.

IMG_20151011_083413
Case e campi, a Luxor.

Ma il disagio continua anche fuori degli scavi. Si percorre con il treno, di giorno, la valle del Nilo, dal Cairo verso Luxor e la fatica si impossessa nuovamnte di te. La terra è fertilissima, ma è solo un lungo budello, stretto fra sterili colline di sabbia E’ sfruttata in ogni centimetro con ostinazione e fatica; direi con l’horror vacui,  come fosse un altare barocco. Le case, le strade, i canali, la ferrovia rubano spazio ai campi che si prendono tutto cio’ che resta. Non uno spiazzo incolto, non un angolo abbandonato, non una distrazione. La lotta per mangiare spinge il povero contadino egiziano a piantare qualcosa su ogni zolla e chi osserva ne sente la disperazione per non avere più spazio.  Sembrano contadini ingabbiati. Non vi è gioia bucolica in campagna, vi è ansietà; del resto la popolazione è così numerosa che non c’e’ nemmeno vera e propria campagna, ma un affastellarsi continuo di borghi e appezzamenti.

Son tempi duri per gli egiziani e il turista se ne accorge facilmente. Decine di navi per le crociere sul Nilo sono ormeggiate inoperose e arrugginite sulle banchine di Luxor. Alla biglietteria del Museo del Cairo aspettano voi, mentre fino a poche tempo fa serpeggiavano le code. I grandi alberghi del Cairo fanno prezzi da pensioncina, pur di aver clienti. Venditori, guide, tassisti, negozianti, ristoratori si affannano ad acchiappare turisti che finiscono per sentirsi come fagiani il primo giorno di caccia: impallinati da tutte le parti. Non c’e’ bisogno di dire che i prezzi si moltiplicano alla vista del turista occidentale: sempre, ovunque, comunque, immancabilmente.

IMG_20151009_172231
I Colossi di Memnone.

Vi è poi questa ulteriore faccenda: in Egitto fa caldo, la polvere impera. Cosa di meglio di una bella birra per rasserenare la gola dopo la visita alle martorianti rovine? No. La birra si vende solo in pochissimi luoghi e comunque di nascosto, in locali chiusi alla vista del pubblico. Quindi vi toccherà un bel karkadé, maledizione! Eppure il paese ospita molti cristiani copti ed è produttore di vino (non buonissimo, ma accettabile). Invece il perbenismo mussulmano vieta di vendere la birra allo scoperto e voi vi terrete la gola riarsa. Ed il cibo di strada sarebbe anche buonissimo.

La dominazione dell’uomo sull’uomo non è ovviamente finita con i Faraoni. Tralascio, per mia ignoranza crassa in materia, ciò che avvenne con la dominazione romana, araba e turca ed arrivo ai giorni nostri.  I ricchi e le ricche egiziane sono grassi e grasse, melliflui, d’aspetto viscidone. Li vedi negli alberghi, al bar, a bere, nei negozi, nelle macchinone e capisci che usano il loro potere senza ritegno o pietà. L’egiziano comune è magro, rapido, lo si intuisce terribilmente incazzato. A loro va la tua simpatia, ma non vi è terreno comune di intesa. Tu straniero sei il ricco, l’oppressore, l’infedele, la puttana bianca, il responsabile della loro miseria. Come intendersi?

L’oppressione non ha confini. Cavalli, asini e vacche sono ancora molto usati in Egitto ed anche al Cairo. Vedi ovunque passare calessi, carretti, asini montati. E il turista che ha occhi vede come sono maltrattati, con inutile crudeltà e come le loro groppe recano i segni di anni di frustate, di carichi troppo pesanti o mal posti, che li hanno feriti.

Unica eccezione:i gatti, che sono ancora trattati con rispetto ed affetto. Il loro antico status di animali sacri si è mantenuto. Sviaggiano nelle moschee come se fossero a casa loro.

No, non andate in Egitto (anche Alessandria non deve essere meglio). E’ terra triste e sfortunata. Non sarà colpa loro, ma non andiamoci. Risprmiamoci quelle pesantezze, tanto non possiamo fare nulla per alleviarle.