La case di Tallinn

IMG_20160426_120800
Una casa del tempo sovietico, semi abbandonata. Assomiglia molto a quelle viste in Ucraina.

Mi sto fissando sulle case di Tallinn. Sarà a causa del clima ostile che invoglia ad interessarsi delle case, dal momento che fuori si sta prorpio male; sarà che ho una passione per l’architettura delle case, molto di più di quella dei palazzi; sarà che non c’e’molto altro da vedere. Ad ogni modo mi sembra che le case a Tallinn siano importantissime e dicano molto sulla storia della città e del paese: l’Estonia.

 

 

Ecco un pò di foto commentate sulle case di Tallinn:

IMG_20160426_120737
Di fronte alla casa della foto precedente c’e’ questa, recentissima, in stile del tutto finlandese. DEl resto Helsinki è a pochissime ora di nave davanti a Tallinn e la Finlandia è un punto di riferimento molto imporante per tutto il paese che sembra voler essere più scandinavo che baltico.
IMG_20160426_120850
Poco lontano dalle due case precedenti, una vecchia villozza dei tempi della presenza dei russi zaristi che venivano in questo quartiere da Pietroburgo a passare l’estate. Lo stesso Pietro il Grande ci venne in alcune occasioni. Il quartiere è pieno di alberi, ogni casa ha un grande giardino, ci sono alberi imponenti. E’ ancora oggi il quartiere nobile della città. Siamo vicinissimi al mare; in questi gorni freddo, plumbeo, sepolcrale. Forse in piena estate è più gaio. Forse….
IMG_20160427_120235
Quartiere dell’epoca sovietica. Deve essere degli anni ’70 ed è molto più vivibile degli equivalenti quartieri coevi in Italia. Grandi spazi verdi, un laghetto al centro, andamento circolare che spezza le prospettive. Ci ho camminato a lungo, osservando i bambini che giocavano. Ed anocra di più le loro mammine. Posto gradevole ed accogliente. alla faccia di chi denigra l’architettura residenziale sovietica chiamando questi edifici “casermoni”. Poco traffico, aria pulita.
IMG_20160427_145829
Ai margini della città è stato creato il museo all’aria aperta delle vecchie case rurali del paese. Era una abitudine molto diffusa nelle capitali sovietiche, per mostrare le tristi condizioni di vita del popolo contadino e le sue capacità costruttive ed artigianali. Solo conoscendo il passato si può operare nel presente per migliorare il futuro, compagni. Questa è una casa di metà dell’800, successiva di pochi anni all’abolizione della servitù della gleba. La casa è autentica, presa da dove era e ricostruita qua. Questo museo all’aria aperta è molto vasto, in campagna, fra gli alberi, con molte e belle vecchie case ricostruite. Didattico e piacevole, perfetto per una giornata all’aria aperta. C’e’ anche un ristorante.
Casetta degli anni'30 che serviva anche da negozio rurale. E' mstato usato questo tipico color rosso a base di rame che proteggeva il legno e che è molto usato in Finlandia e in Svezia per gli edifici rurali, amcora oggi.
Ancora al Museo all’aria aperta di Tallinn è stata trasportata questa deliziosa casetta degli anni’30 che serviva anche da negozio rurale. E’ dipinta con la tipica pittura da esterni di color rosso a base di rame per proteggere il legno. Tale pittura è molto usato in Finlandia e in Svezia per gli edifici rurali, ancora oggi.
IMG_20160425_133806
Invece nel centro storico di Tallinn l’impianto urbano e le case sono del tutto tedesche. La città, infatti fu prima danese, poi svedese, tedesca, russa, sovietica. Ma i dominatori, quelli che lasciarono l’impronta più forte, nei secoli della formazione dell’impianto della città, furono i tedeschi della Lega Anseatica.
Ma anche i morti hanno la loro casa. Nel bosco, senza recinzioni, nella pace. Molto commovente.
Ma anche i morti hanno la loro casa. Nel bosco, senza recinzioni, nella pace. Molto commovente. Ci si fa una passeggiata, fra gli alberi, riposando seduti a terra, fra le tombe, leggendo le lapidi. L’insieme non da l’impressione dell’abandono, ma nemmeno quella di una cura esagerata. L’esatto opposto del cimitero di Santiago del Cile.

 

Appena un accenno di lapide nel cimitero delle celebrità nazionali, divisi per categoria.
Appena un accenno di lapide nel cimitero delle celebrità nazionali, divisi per mestiere. Un semplice ricordo nella natura. Più essenziale non si può. MI ha molto colpito e mi è molto piaciuta questa semplicità.

Tallinn, la complessa.

IMG_20160425_141926
La città è di impianto tedesco. Furono i commercianti della Lega Anseatica a svilupparla.

Mi son fatto il mio nido a Tallinn, un appartamento in centro. E da lì vago per la città e i dintorni. Fa freddo, per il 25 Aprile son venuti anche due fiocchi di neve. Ma giro, guardo, cerco di capire.

Strano posto questo paese, l’Estonia. Mai indipendente, salvo fra le due guerre ed ora, dopo lo scioglimento dell’Unione Sovietica. Anche differente dalle altre due repubbliche baltiche. Un gran miscuglio di cose, pare. Questa città è stata messa su dai mercanti tedeschi della Lega Anseatica; il centro storico è infatti una città tedesca.  Ma anche altrove è così. Poi è diventata svedese, poi russa e i nobili di San Pietroburgo ( a 350 km per via terra o per via mare) venivano a passarci l’estate (come sarà stata da loro, per venire qua??). Poi è stata ampiamente sovietizzata. Ora si è spostata chiaramente sul lato finlandese, dal punto di vista culturale (Helsinki è a 76 km di facile mare).

I nobili russi, nell'ottocento passavano la loro estate in queste ville di legno, sulla spiaggia.
I nobili russi, nell’ottocento passavano la loro estate in queste ville di legno, sulla spiaggia.

La stessa popolazione ritiene essere scandinava e non slava, come la lingua. Ma vi è pur sempre una forte minoranza di russi, che parlano russo e che sembrano essere rimasti abbastanza sovietici. Quindi bilinguismo. Ma anche bi-gastronomia.

Gli estoni-russi sembrano essere più gioviali (non ci vuol molto) degli estoni-estoni, ma anche più poveri. E li vedo soprattutto nei luoghi di architettura più sovietica, come il mercato o certi bar dall’aspetto un pò triste. Come se fossero rimasti attaccati all’idea del grande impero sovietico.

Il design simil-finlandese (ma molto più rozzo) impera.
Il design simil-finlandese (ma molto più rozzo) impera.

Gli estoni-estoni invece sembrano molto interessati a ricevere grossi traghetti in provenienza da Helsinki. Arrivano più volte al giorno carichi di finlandesi che vengono a comprare alcool a casse intere ed anche a godere delle belle estoni, a giudicare dalla densità di bordelli intorno al porto.

Una nave al giorno per Stoccolma, per San Pietroburgo una alla settimana ed un paio di bus al giorno.

Insomma, la storia qui ha fatto un gran rimescolio.