I dolori del Libano

I dolori del Libano

Febbraio 5, 2018 0 Di ilviaggiatorecritico

Insegna bilingue in arabo ed in armeno nel quartiere di Borj Hammoud che accolse i sopravvissuti armeni dal loro genocidio per mano dei turchi. Si rifugiarono in Libano sotto protezione francese.

Il Viaggiatore Critico ha osservato per anni i libanesi in Africa ed ha visto da vicino tutti le porcherie senza nome che fanno. Ha finito per detestarli; e non a causa di uno sciocco pre-giudizio, ma proprio sulla base di un sereno giudizio delle loro tremende e ciniche abitudini truffatrici. Ha quindi voluto andare a vederli a casa propria.

Ne son rimasto molto impressionato. Un viaggio  breve, nel quale non sono stato affatto bene, ma che mi ha sollevato ondate di interesse e smania di volerne saper di più. Ma in Libano la conoscenza è difficile e porta dolore.

Da un lato si è sbalorditi dal numero e dalla complessità della miriade di comunità diverse che compongono quel piccolo paese. Se mi pareva complicato il mondo dei Balcani, qui è mille volte più articolato. Tutti parlano l’arabo, si diversificano piuttosto per religione od origine. Nel centro di Beirut, nel raggio di trecento metri ci sono quattro centri religiosi: la principale moschea sunnita e le cattedrali cattolica maronita, cattolica greca, ortodossa greca. Poco oltre quella cattolica armena. Poi ci sono gli Sciiti, i Drusi, gli Armeni ortodossi, gli Alauiti e gli Ismaeliti, qualche resto di Ebrei. Numerosi i rifugiati storici Palestinesi ed ora la grande massa dei rifugiati siriani. Ed ogni gruppo (eccetto l’ultimo) ha la sua zona, il suo quartiere di influenza (se non adirittura di predominio), la sua cultura, la sua visione delle cose, spesso in conflitto con quella di uno o più degli altri gruppi.

Dalla porta della Cattedrale cattolica Maronita ci si affaccia sulla confinante Moschea, la più grande del paese.

Ma quella che potrebbe sembrare una enorme ricchezza culturale, fonte di mille delizie per gli abitanti ed i turisti si è invece trasformata in una maledizione. Perchè in Libano si nuota in un mare di odio ed anche il più sprovveduto dei turisti se ne accorge rapidamente. E si tratta di quell’odio sotterraneo che non si manifesta platealmente in scatti di razzismo, ma che erode la convivenza. Tutto il contrario di Melilla, ad esempio, dove il fastidio per l’altro esiste, ma non si manifesta e non rovina la vita di nessuno.

Bisogna riconoscere all’Impero Ottomano il merito di aver tollerato tante comunità e di aver permesso loro di attraversare i secoli. Nello stesso momento i cristiani di Europa si applicavano a sterminare ogni tipo di comunità che non fosse omogenea al potere dominante; lo fecero i cattolici contro i protestanti, lo fecero i protestanti contro i cattolici.

Ma i lunghi secoli durante i quali il Libano fece parte dell’impero turco non furono di pace; vennero bensì percorsi da lotte, guerre, tradimenti, voltafacce, sangue. E le comunità si abituarono a sopravvivere nelle difficoltà, a dissimulare, ad ondeggiare nelle tempeste piegandosi ad ogni compromesso. Cercando accordi per dividersi fra loro il potere in complicatissimi sistemi: una sorte di manuale Cencelli plurisecolare. Questo strano sistema di divisione del potere è una caratteristica libanese, ormai entrata nel DNA politico del paese. Ancora oggi il Presidente della Repubblica deve essere un cristiano; il Presidente del Governo, un sunnita; il Presidente della Camera, uno sciita . Alle elezioni, i candidati alla Presidenza della Repubblica saranno solo cristiani, ma saranno votati da tutti gli elettori. Una strana democrazia, messa, fortunatamente, in forte critica dai movimenti popolari del 2019, tesi verso una maggiore libertà ed a una minore corruzione.

Quando non ci si combatte con le armi, lo si fa con i simboli. Ci si rifugia nella propria comunità sventolando la minigonna o il velo, non perchè piaccia, ma per disprezzare chi ha il velo o la minigonna. I margini di libertà delle persone sembrano essere scarsi. Ed il turista questo lo avverte e se ne duole. E parlando con la gente, il discorso finisce immancabilmente nella maldicenza rancorosa nei confronti del gruppo che è il nemico del momento. E proprio contro questa malsana mentalità va il movimento del 2019.

I minareti della Moschea sembrano spuntare dalla Cattedrale Greco Ortodossa.

Il turista cercherà, con attenzione e difficoltà, di assegnare le persone che incrocia o i luoghi che frequenta, a questo o a quel gruppo (una donna con i capelli liberi sarà cristiana o sunnita moderna? in quel bar si serve o no birra? quella ragazza con l’impermiabilone ai polpacci sarà sunnita stretta o sciita?); oppure cercherà di capire se è capitato in uno di quei luoghi “comuni”, dove i gruppi si devono mescolare per le esigenze della vita moderna (piazze del centro città, università, centri commerciali). Ho cercato di farlo, riuscendoci, forse, in un numero limitato di casi. Altri, più esperti e perspicaci, avrebbero fatto meglio. E’ certo escluso poterlo chiedere direttamente alle persone, sarebbe oltremodo sgarbato. Ma questa ricerca mi ha procurato stanchezza e dolore a causa della crescente consapevolozza delle infinite fratture che attraversano quella società. Dei rancori incrostati e della diffidenza che ammorba l’aria, nonostante il discorso ufficiale del “siamo tutti libanesi” o il ritrovarsi intorno alla meravigliosa cucina. Ogni giorno che il turista passa nel Libano, le contraddizioni di quella società gli appariranno più enormi e gravi; fino ad arrivare a non poterne più, detto molto francamente. Già il fatto di essere portati a voler/dover catalogare per gruppo/religione/origine gli abitanti del luogo che visiti è aberrante. E’ come se in Italia si fosse obbligati a sapere da che regione viene ogni passante. Basta non farlo, dirà qualche sprovveduto. Eh, no! Il contesto è fatto in modo tale che tu, estraneo e turista, ti trovi a dover catalogare. E’ un meccanismo infernale.

La diversità non come segno di vitalità quale l’ho vissuta in Macedonia, ma come permanenza di un conflitto infinito. Per non parlare delle diversitè economiche che attraversano ogni gruppo, dove più, dove meno; in un paese nel quale le parole “giustizia sociale” devono esser cercate nel vocabolario, tanto tale concetto è assente nella realtà.

Perchè poi, da questo calderone ribollente, le persone non ne escono fuori migliori, anzi. Ed il turista si troverà quindi a che fare con sotterfugi, menzognette, depistamenti, strategie macchiavelliche e con la falsa cortesia di chi ti si fa amico per meglio fregarti.

E tutto ciò torna con quanto avevo notato fra i numerosissimi libanesi incontrati durante anni ed anni in Africa. Abilissimi commercianti, ma rotti immancabilmente ad ogni forma di corruzione e di percorso obliquo per piegare il mondo ai propri interessi. Come fan molti, dirà qualcuno; vero, ma non così sempre e così tanto. Una mentalità pronta a vendere tutto, foss’anche il proprio paese, se ne vale la pena.

Un mondo dove la capacità di sopravvivere dei gruppi e dei singoli è arrivata a vertici di eccellenza assoluti, ma a dei costi umani ed etici insopportabili. E ciò può incantare l’antropologo, ma sfibra il turista. Non so se avrò voglia di tornare in Libano.