Il meraviglioso mondo di Nappino, Santa Brigida.

Il viaggiatore critico ha cenato da Nappino e ne è rimasto ancora una volta deliziato, non tanto per il cibo, modesto, quanto per la ruspantissima atmosfera. Riporta qui una descrizione che ne fece anni fa sull’antipatico sito 2spaghi, in quanto ancora del tutto attuale.

Mio nokia1511
Zuppa di moscardini da Nappino, voluminosa.

Interessantissimo locale in un paesino, Santa Brigida, vicino a Firenze, ma veramente fuori mano. Menu abbastanza corto ma assai vario. Molto pesce, di carne solo tagliate o quasi. Naturalmente anche pizza. Buono ed assai composito l’antipasto Nappino, peccato i salumi con fette di taglio micrometrico. Porzioni abbondantissime, io ho fatto una scelta temeraria, penne ai gamberetti, porcini e broccoli. Non avevo messo in conto la panna, abbondantissima. La tagliata un pò bassina, ma convenientemente cotta. Dessert del tutto casalinghi e colesterolissisimi. Prezzi modesti ma non del tutto popolari: sui 7 – 8 i primi. Sui 12 – 15 i secondi. Ma interessante antropologicamente il luogo. La sala da pranzo è una veranda sulla vasta terrazza del Circolo del paese. Tovaglie a quadri, sedie di ferro smaltate azzurre. Camerieri spicci e gradevolmente non charmosi, tutto molto alla buona. Nappino è il proprietario e da queste parti (il mio bisnonno materno era di qua) la nappa è il naso, soprattutto quando è sovradimensionato rispetto alla norma. Clientela dei dintorni rurali, più o meno vicini.

Si tratta insomma di uno di quei locali dove si mangia tanto, si mangia del pesce che è ingrediente quasi sconosciuto nella cucina casalinga della Toscana interna e in una atmosfera popolare e disinvolta da paese. Il tutto a prezzi che molti si possono permettere. Quindi luogo di elezione per gruppi di amiche in libera uscita, per coppie non giovanissime, per ragazzi caciaroni della zona. E’ uno degli utlimi locali rurali che hanno, con grande successo, resistito alla spinta del finto rustico – finto chic – falsa attenzone al territorio – prezzi alti, che ha devastato la gastronomia popolare della Toscana. Un bell’esempio meritevole di attenzione.

NB. Il post è del 2014, la recensione originale del 2011.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...