Nuovi turismi in Africa dell’Ovest

Una casa del nord del Togo, la takyenta. Foto da http://www.fondationteiga.org

Vastissimi spazi pieni di cose interessanti da vedere e da fare esistono al mondo. Non è necessario ammassarsi tutti nei pochi luoghi dove tutti i turisti pecoroni vanno felici a farsi spennare.

In Africa dell’ovest, per esempio ci sono molti luoghi interessanti. Un bel viaggetto in quei paesi è del tutto da raccomandare. Della Guinea Bissau abbiamo già parlato ampiamente.

Poi c’è il Togo, paese che si visita facilmente perché è stretto, lungo e percorso da una sola strada importante che va dalla capitale sul mare fino alla frontiera con il Burkina Faso. La faccenda del Togo che più mi è piaciuta è una zona a nord, oltre la città di Kara; si chiama Kotammakou ed è abitata da una etnia chiamata Batammariba; regione agreste e bucolica. Ma l’aspetto interessante di questo simpatico popolo è la fabbricazione delle loro case tradizionali, ancora oggi comunemente abitate. Sono delle specie di nuraghi, solo che in paglia e fango. Costruiscono delle torrette raggruppate che poi uniscono con un muro tutto intorno. Si ritrovano ad avere, quindi, una specie di fortezza turrita. Le porte sono minuscole e per entrarci bisogna praticamente inginocchiarsi. La gente di questo popolo è abbastanza minuta, per un europeo corpulento è un esercizio ginnico. Dalla stessa porta entrano le persone e le capre. Queste ultime restano al pianterreno e vanno negli spazi fra una torretta e l’altra, ben protette, per la notte, dal muro circolare esterno. Con una scaletta si sale ad una sorta di primo piano: ogni torretta ha una stanza dove si dorme, si abita, si conservano i grani alimentari. Una ulteriore scaletta porta alla terrazza superiore dove si pongono a seccare i soliti grani o si costruisce un ulteriore, piccolo granaio. Le dimensioni di tutto ciò sono molto ridotte, una specie di fortezza per lillipuziani. Ogni famiglia ha la sua e la adorna con dei tetti di paglia, con delle decorazioni, con un cippo fallico fuori dalla porta. E’ un mirabile esempio di architettura tradizionale di grande efficienza, anche se un po’ scomoda. La gente ti fa visitare le case volentieri, in cambio di un piccolo regalo. E’ un popolo assai tradizionale, molto povero, sembrano molto gentili e miti. Nel passato devono aver passato tempi difficili se avevano organizzato una tale difesa. Da queste case si difesero anche dai tedeschi che fecero del Togo una delle loro poche ed effimere colonie, all’inizio del ‘900. La zona è patrimonio mondiale dell’UNESCO. Le case si chiamano “Takienta” o “Tata” se volete cercarle su Google.

Per il resto non c’è molto da vedere nel paese, se si eccettua la vita ed il casino ed i mercati di Lomè, la capitale. In città ci sarebbero anche delle belle spiagge, ma se ne sconsiglia la visita per due motivi ben differenti. Il primo è perché si sarà molto probabilmente rapinati; il secondo è un motivo meno facilmente intuibile: le spiagge urbane sono utilizzate come gabinetti pubblici, al riparo delle numerose barche da pesca tirate in secco.

Altro paese di ben maggiore interesse: la Guinea. La capitale, Conakry, è uno dei luoghi più sgradevoli del mondo, e ciò per molti motivi diversi e non vale assolutamente la pena di fermarsi. Bisogna andare direttamente nella regione del Fouta Djallon. E’ in altitudine: ci fa fresco e piove molto. La natura geologica della zona fa sì che i frequenti ed abbondanti fiumi abbiano scavato profonde vallate verdi di vegetazione e fresche d’acqua. Bei panorami, grande varietà di paesaggi (il che è una rarità in Africa), possibilità di fare il bagno nei torrenti, belle e lunghe camminate da fare in un clima non torrido. La regione ha avuto un’importante sviluppo turistico fin dai tempi dei francesi. I coloni andavano a riposarsi dalle loro nefandezze o a curarsi nella città di Dalaba. Vi sono diverse agenzie locali di trekking che permetteranno al turista di passare diversi giorni in modo molto gradevole.  Certi panorami sulle profonde valli meritano il viaggio. Si visiteranno anche dei villaggi dove la gente vi accoglierà con la tipica ospitalità africana. La nostra guida volle fare il malizioso e ci portò a vedere, nonostante che fossi con mia moglie, l’angolo del fiume dove facevano il bagno serale le donne del villaggio (gli uomini lo facevano in un altro angolo). Meravigliose Giunoni nere che giocavano nude nell’acqua. Spettacoli che valgono la pena di esser visti.

A Dalaba si può visitare la villa dove l’antico presidente Sekou Touré ospitò per anni Miriam Makeba, la cantante sudafricana, ed il suo marito Carmichael, leader delle Pantere Nere americane. Sono pezzi di storia dei movimenti contro l’apartheid ed il razzismo. In Guinea ci si sposta con i taxi brousse che sono normali auto dove si sta in 4 dietro e in tre davanti (compreso l’autista). Costano poco ma sono terribilmente scomodi e partono solo quando sono pieni. La sera può esser difficile trovarli. Molto folcloristico, ma si perde un sacco di tempo. L’alternativa è noleggiarne uno tutto per voi comprando i sei posti; in questo caso ci sarà sicuramente da litigare perché l’autista vorrà vendere ad altri i posti che voi avete già comprato e finirete comunque per viaggiare come sardine in scatola.

Altro paese, subito accanto, dove però non sono mai stato: la Sierra Leone. Dopo una serie infinita di catastrofi politiche, guerre civili ed Ebola, questo paese sembra che offra delle meravigliose spiagge nei dintorni della capitale e degli angoli stupendi nelle prossime Banana Island. Se si è in Guinea, una scappatina può meritare di esser fatta.

Bei paesaggi del Fouta Djallon. Foto di Maarten van der Bent via WikiCommons

Ma, soprattutto, in questi paesi si assisterà all’inesauribile ed incomprensibile torrente di vita che anima gli africani e le loro città. Posti che sembrano molto difficili ospitano una umanità che vuole vivere nonostante tutto le difficoltà che incontra. Si vivrà per strada, mangiando gli spiedini di capra o la viande coupé coupé, arrostita sui carboni in un fusto di latta e servita su un pezzo di carta di sacco di cemento, bevendo una birra, seduti sul marciapiedi su una sedia sbilenca. E la gente vi sorriderà perché capiranno che uno straniero sta apprezzando il loro modo di vita. Ed il turista capirà che ha visto una cosa bella, nuova, interessante; molte volte più importante che un museo od un centro commerciale in Europa.

Ma i turisti sono dei pecoroni e continuano ad andare agli Uffizi.

 

 

Valorizzazione turistica popolare: la Forra del Lupo e la Flaminia Militare.

Un tratto della strada romana a Pian di Balestra. Foto di Mongolo1984 via Wikicommons.

Due esempi importanti di iniziative che coniugano tre fattori che sono fondamentali per il turismo del futuro. I fattori sono: coinvolgimento popolare, recupero di beni culturali, promozione turistica di base.

Le due iniziative sono la Forra del Lupo a Serrada (Folgaria, Trentino) e la Flaminia Militare sull’Appennino fra Firenze e Bologna.

Della prima ne ho parlato abbondantemente qui. La storia della seconda dura ormai da 40 anni. Due amici di un paesino dell’Appennino si appassionarono ad un enigma storico: da dove passava la romana via Flaminia che legava Faesulae alla recentemente fondata Bononia (189 A.C.)?. Cerca cerca hanno finito per trovarla, scavarne dei tratti, identificare il percorso fino nel Mugello. Hanno scritto dei libri (scaricabile gratuitamente), fatto dei video, preparato un sito web. Dopo il primo ritrovamento i due, fino ad allora considerati un po’ squinternati, sono stati appoggiati ed aiutati dal loro paese e da quelli vicini. Ormai i due sono molti anziani, ma continuano a combattere per la loro scoperta che, a dir la verità, non è stata riconosciuta da molti archeologi. Sarebbe, sì, una strada romana, ma non esattamente la Flaminia Militare di cui parla Tito Livio. Ma poco importa, quella è certamente una strada romana ed è perfettamente conservata in alcuni tratti.

Grossomodo sullo stesso percorso della strada romana è stata creata la Via degli Dei, il sentiero che va da Bologna a Firenze e che sta avendo molto successo. Per un breve tratto i camminatori della Via degli Dei mettono i loro piedi sul basolato dell’antica via romana. Un grande piacere, un ponte fra viandanti lontani millenni.  La Via degli Dei e la Flaminia Militare (certo più la prima della seconda, ma anche la seconda contribuisce) hanno portato una buona presenza di turisti, camminatori, curiosi, appassionati di archeologia che fanno un po’ girare la stantia economia di quei borghi appenninici votati allo spopolamento invernale. Persone che mangiano, dormono, comprano qualcosa nei negozi.

La stessa cosa succede a Serrada, con la Forra del Lupo. Lì l’economia andava già bene con il turismo invernale e quello estivo. E grazie alle generosissime sovvenzioni della Provincia Autonoma di Trento che sparge sui propri cittadini le risorse sottratte al resto del paese. A tutto ciò si è aggiunto il percorso della Forra, che segue una trincea austriaca della I guerra mondiale e che richiama molte scolaresche, gruppi escursionistici, visitatori, appassionati di storia militare. Vi sono persone che si fermano al ristorante – bar che sta all’inizio del sentiero; altri vanno in piazza, qualcuno dormirà negli alberghi della frazioncina. Il nome di Serrada viene maggiormente diffuso, conosciuto, apprezzato.

Le due iniziative sono accomunate dal fatto che sia la trincea che la strada romana sono state ripescate dall’oblio e rese visibili – percorribili – leggibili da persone locali che si sono autonomamente organizzate e rese operative. E’ assolutamente una valorizzazione del patrimonio locale portato a compimento dagli abitanti del luogo. Più bello di così non si può. Nei paesi della strada romana appenninica le Amministrazioni Comunali si stanno svegliando solo ora, cercando di mettere i lori artigli sull’iniziativa, speculandoci politicamente e finendo per scacciare l’iniziativa popolare di base. I soliti avvoltoi, melliflui ed untuosi.

Nella nebbia dell’Appennino la cava da cui furono tolte le pietre per la strada. Pian di Balestra. Foto di Sandro Baldi via Wikicommons.

Le popolazioni di Serrada o dei paesi della strada romana, sono assolutamente contente della propria iniziativa; ne vanno fiere e vi sono affezionate. Non solo hanno collaborato, fattivamente o affettivamente, allo scavo, alla pulitura, alla manutenzione della trincea e della strada. Ma ne ottengono anche dei vantaggi economici, almeno alcuni di loro. Se non altro di immagine del loro paesino negletto.

Si ha quindi una popolazione che si attiva per riscoprire un bene della propria zona, lo promuove e ne trae dei benefici economici e/o culturali. Un meraviglioso esempio di integrazione a più livelli, compreso quello economico e culturale.

Non manca un lato un po’ oscuro, purtroppo. Il limite delle iniziative culturali popolari è una certa mancanza di spessore e di profondità. Non ci possiamo aspettare che tutti i montanari siano dei raffinati filosofi.

Ad esempio, alla Forra del Lupo esiste una certa deriva sulla spettacolarizzazione della trincea. Non dimentichiamoci che fu fatta per la guerra ed i militari stavano lì per uccidere od essere uccisi. Sembrano quindi fuori luoghi gli spettacoli notturni “Suoni e Luci” che si fanno nelle parti più rocciose della trincea; oppure la figurina del soldato ritagliata nella lamiera di ferro, ad altezza naturale. Mi pare che si voglia banalizzare quella che è stata la seconda più grave sciagura di tutta la storia dell’umanità.

 

 

Lo spettacolo di suoni e luci nella Forra del Lupo. Foto dalla pagina FB dell’Associazione che cura la Forra. https://www.facebook.com/ForraDelLupo/

D’altra parte, sull’Appennino si sono scavate molte centinaia di metri di strada romana, senza avvertire la Sovrintendenza ed usando metodi da sterratori frettolosi. Nessun scavo tecnico, nessuna supervisione scientifica. Roba da manovali. In questo modo si sono certamente perdute delle informazioni preziose che, forse avrebbero potuto anche risolvere il problema della datazione  della strada. Si è inoltre esposta alle intemperie ed ai danni dei vandali un’opera che era rimasta protetta da almeno 1500 anni. La responsabilità del degrado della strada non può non ricadere su chi ha voluto tirarla fuori, spesso innecesariamente (bastava fare qualche saggio per vedere il percorso e metterne in luce pochi metri a fine turistici; ed il resto lasciarlo sottoterra dove stava benissimo). A Serrada anni fa, esattamente con lo stesso schema di intervento popolare è stata ritrovata e scavata una vecchia chiesetta secentesca. Anche il quel caso il recupero e restauro è stato molto “muscoloso”.

Sia a Serrada che alla Forra del Lupo, infine, hanno tagliato alberi come se avessero una cartiera da mandare avanti. In particolar modo alla Forra del Lupo hanno recentemente tagliato, in modo assolutamente irresponsabile ed innecessario una decina di abeti che erano cresciuti intorno alla fortezza austriaca a cui la trincea portava.

Nonostante tali pur pesantissime ombre, le due iniziative rappresentano l’unica via di turismo desiderabile nel futuro: nato da iniziative popolari ed a beneficio di residenti e turisti. Andateci e poi raccontate al Viaggiatore Critico come vi sono sembrati questi due posti.

 

 

 

Il Cammino di Santiago

Lungo è il Cammino. Foto di José Antonio Gil Martínez via Wiki Commons

Il Cammino di Santiago è certamente uno dei maggiori e più incredibili fenomeni turistici degli ultimi 30 anni in Europa. Lo sviluppo, la notorietà e i numeri che questo percorso ha raggiunto non hanno uguali.

La geografia la conosciamo tutti: oltre 750 km che vanno dalla mitica Roncisvalle sulla frontiera francese fino a Santiago de Compostela in Galizia. Tutti su percorso quasi dedicato ed abbondantemente segnalato con la famosa conchiglia del pellegrino. Altri cammini di Santiago si sono aggiunti negli ultimi decenni. La destinazione è sempre la stessa ma la partenza è dal Portogallo, dall’Andalusia, dalla Catalogna o addirittura da remoti paesi europei per arrivare a Roncisvalle.

Anche la storia è conosciuta. Pellegrinaggio famosissimo nel Medioevo era la terza destinazione religiosa dopo Roma e Gerusalemme. Occupata questa dagli arabi, Santiago divenne la seconda, forse la prima come affetto che i pellegrini gli tributavano. Andare a Santiago rappresentò per molti e per secoli l’avventura, il viaggio, la libertà dai vincoli della vita quotidiana. Al di là degli aspetti religiosi il pellegrino medievale ed il turista moderno hanno moltissimi tratti (pregi e difetti inclusi) in comune.

Poi i tempi passarono, ma la forza del Cammino di Santiago non si spense del tutto e bricioli di attività rimasero; alcuni devoti continuarono la tradizione. Partivano dalla frontiera francese ed arrivavano a Santiago, sempre a piedi e con la loro conchiglia fissata sul mantello. Ad ogni comune avevano l’abitudine di farsi mettere un timbro su un libretto. Negli anni ’70 chi fosse arrivato a Santiago con tutti i timbri giusti, aveva il diritto di passare una notte gratuitamente nel Parador di quella città, hotel di gran lusso. Questo per dire quanti pochi fossero i pellegrini che facevano tutto il percorso.

A questo punto San Giacomo (Santiago) deve aver fatto un miracolo. Per l’abilità di qualcuno o forse (più probabilmente) per un fortuito ed irrepetibile insieme di circostanze favorevoli, il Cammino di Santiago è sbocciato ed in 20 anni è diventato il campione assoluto dei percorsi di trekking a livello europeo e direi anche mondiale. Un successo senza precedenti. Tutti lo hanno fatto o lo vogliano fare o lo faranno; anche gente che di camminare non ne mastica molto.

E’ stato ben segnalato e durante tutto il percorso sono sorte centinaia di imprese turistiche che offrono dormire, mangiare e bere ai camminanti. Il giro d’affari è colossale e il Cammino ha ridato fiato a quelle molte zone agricole e povere che attraversa. Il percorso è in realtà del tutto fittizio. Ai tempi i pellegrini vivevano di elemosine e di piccoli lavori; non potevano quindi passare tutti sullo stesso percorso; si disperdevano su ampli territori convergenti verso Santiago, ma ognuno faceva il suo percorso. Oggi, invece la direttrice è unica. E ciò crea forti scompensi fra il paesino attraversato dal Cammino in cui fiorisce l’economia del viandante ed il paesino accanto ormai morente. In altre parole, mentre nel Medioevo si aveva la massima dispersione dei pellegrini, con il capitalismo si ha la massima concentrazione dei turisti. Così anche i capitali investiti si concentrano e i profitti si massimizzano. Potenza del denaro!

Ormai l’aspetto religioso del Cammino è assolutamente marginale; i turisti sembrano molto più interessati a soddisfare la carne che a purificare l’anima. Nonostante ciò, molti degli ostelli che costellano il percorso sono in mano religiose. In alcuni casi sono esercizi economici come tutti, in altri casi vi è ancora uno spirito da antico “ospedale per pellegrini”, ad esempio a Roncisvalle o a Ponferrada, dove ci sono anche dei volontari che cercano di riparare i piedi piagati dei camminanti, con grande spirito di servizio al prossimo; specie se si tratta dei poveri piedini di belle figliole.

Perché, in realtà, nel  fiume di persone che vanno verso Santiago prevalgono i giovani. Il motivo è chiaro: si parte all’avventura, le forze non mancano, i prezzi degli ostelli e del cibo sono molto bassi, si trova facilmente compagnia, cammin facendo. Ogni sera è una festa, si beve molto, non si balla perché fanno male i piedi, ma si intessono relazioni. Insomma una bella passeggiata pagana che ricorda un po’ quello che fu, in tempi passati, il pellegrinaggio alla Vergine del Rocio.

Camminanti e tipi strani. Foto di Jose Luis Cernadas Iglesias via Wiki ommons.

Non ci sono tappe prefissate lungo il Cammino di Santiago. Si parte e ci si ferma dove si vuole, tanto si è sicuri di trovare un ostello ogni pochi chilometri; l’unico inconveniente può consistere nel trovarlo pieno e di dover proseguire fino al seguente o a quello dopo ancora. Può essere un po’ angosciante. Per questo motivo c’e’ una certa tendenza a fermarsi abbastanza presto, nel pomeriggio. I più furbi dormono fuori dell’ostello, nel sacco  a pelo o sotto una tendina, usufruendo (a pagamento) dei servizi dell’ostello ma evitando gli inconvenienti del trovarlo “completo”.

Si trovano soprattutto ostelli con camerate, in cui si dorme nel proprio sacco a pelo. Ma ci sono anche pensioni con camere normali; molto spesso la struttura ha sia la camerata per i giovani e gli sportivi sia le camere per un pubblico più calmo. I prezzi sono sempre modici. I mille locali dove si può mangiare offrono spesso il “piatto del pellegrino” abbondante, nutriente ed economico, anche se non buonissimo. Prevalgono le patate. Ma si trovano anche piatti normali, per la sera.

Ad ogni modo una vacanza lungo il Cammino viene ad essere molto economica e qui sta uno dei segreti del suo successo. Aspetto che altri cammini, come la Via Francigena, non sono riusciti a replicare.

Non essendoci tappe prefissate ognuno è libero di fare i chilometri quotidiani che preferisce. I meno esperti ne faranno una quindicina, i più incalliti vanno anche a 50. Finiscono per formarsi dei gruppi spontanei di persone che hanno la stessa velocità di crociera: ci si conosce all’ostello, ci si ritrova il giorno dopo in cammino, si pranza insieme, si torna a ritrovarsi il giorno dopo ad una sosta, si scambiano impressioni e consigli, si sparla degli altri camminanti, si calcolano quanti diavoli di chilometri mancano alla fine. Ci si sente far parte di una porzione di umanità che si muove concorde verso un obbiettivo; una specie di esodo, di transumanza, di calata dell’orda barbarica. Un fiume di gente sofferente per la stanchezza, ma soddisfatta di far quel che fa. E questi non sono sentimenti frequenti, di questi tempi.

Alcuni fanno tutto il percorso di 750 chilometri; molti altri ne fanno una parte: tre giorni, dieci giorni, quindici giorni di cammino; altri ancora ne fanno un certo pezzo il primo anno; il secondo lo riprendono da dove lo hanno lasciato l’anno precedente e così via fino a concluderlo. Pochissimi fanno l’andata ed il ritorno. Quest’ultimo è molto difficile perchè le indicazioni ci sono solo per l’andata e non per il ritorno.

Tipico ostello in un paese della Galizia. Di strutture così ce ne sono centinaia. Foto di Pacopac via Wiki Commons.

Non c’e’ niente di veramente interessante nel Cammino di Santiago classico. Si scavalla una montagna abbastanza erta, ma non bella, o Cebreiro; la discesa dei Pirenei offre bei paesaggi, fra i fiumi nei quali il giovane Hemingway pescava le trote. Molto altro non c’e’. E’ l’atmosfera che si crea fra i camminanti il vero segreto del successo di questa iniziativa turistica.

Poi si arriva a Santiago ed è tutto finito.