Il paese che non dovrebbe esistere

Vi è un paese curioso, molto bello, inaspettato, pieno di storie strane. E’ Scanno, in Abruzzo.

Non dovrebbe esistere: si trova in una posizione impossibile. La valle dei fiumi Sagittario e Tasso è relativamente ampia nella parte superiore, dove sta Scanno, ma si restringe, verso lo sbocco inferiore nella Valle Peligna, in una lunga e strettissima gola fra erte e grigie pareti di roccia. Tali Gole del Sagittario rendono difficilissimo l’accesso alla parte superiore della valle. Fino all’inizio del 1900 non c’era proprio la strada e si arrivava a Scanno solo grazie ad una mulattiera che serpeggiava sul fondo delle Gole disputandosi con il fiume il pochissimo spazio disponibile fra le rocce.

Ma perchè fu quindi costruito questo paese, che ha resti anche romani? Perchè sulle alture ci sono vastissimi pascoli nei quali hanno brucato ed ingrassato infinite greggi di pecore. Greggi che passavano l’inverno in Puglia e l’estate sui monti di Scanno: il vecchio sistema della transumanza. Con questa importantissima fonte di reddito si costituirono in paese delle belle fortune di alcune famiglie che arricchirono il borgo di importanti palazzi, chiese, muraglie. La pietra è il bel calcare bianco locale. Il paese vecchio è su una specie di promontorio, molto mosso, in forte salita. L’effetto è delizioso: strade e stradine, scalinate, belle case e palazzi, slarghi e strettoie. Il colpo d’occhio è meraviglioso. Impossibile accedere al centro vecchio in auto o moto.

E’ tutto così caratteristico che il paese è diventato, fin da metà ‘900, un terreno prediletto per i fotografi. Moltissimi dei grandi maestri vi sono passati e vi hanno scattato foto divenute celeberrime. Sulle loro tracce appassionati di fotografia attuali continuano a percorrere le stradine del borgo cercando ispirazione e inquadrature; chi organizza corsi di fotografia si onora di portare i propri allievi in questo luogo.

Questa faccenda della transumanza delle greggi faceva sì che quasi tutti gli uomini passassero l’inverno lontano da casa, lasciando il paese in mano ad una sorta di matriarcato di fatto. Le donne furono quindi obbligate a gestire i figli ed i beni in autonomia, sviluppando un forte carattere. Forse per questo motivo Scanno è l’ultimo paese in Italia nel quale il costume tradizionale venga ancora usato, quotidianamente, dalle donne più anziane. Il costume della festa è particolamrente ricco ed elaborato. Alcune volte all’anno viene organizzata una rievocazione durante la quale molte donne sfilano con i vecchi costumi pazientemente mantenuti, riparati, indossati. Immancabili, quindi, le foto a queste donne, fra le viuzze di pietra del borgo. Scorci antichi.

La ricchezza del paese la si vede anche dalla presenza di una importante tradizione orafa che ha prodotto alcuni gioielli tradizionali. Ci sono ancora alcune oreficerie artigianali, sul corso principale. E pare incredibile che un paese così isolato ed inaccessibile possa esser stato tanto ricco.

Ma le eccezionalità di Scanno non finiscono qui: poco sotto il paese c’e’ un bel lago nel quale si può anche fare il bagno. Dalla parte opposta c’e’ il Passo Godi, a 1600 metri, circondato da montagne che oltrepassano i 2.000. Insomma, montagne vere.

E’ relativamente vicino a Roma e nei periodi di gran caldo frotte di anziani romani si rifugiano fra queste montagne a prendere il fresco. Ed ancora: è la prima vera montagna per chi viene dalla Puglia; li vedi allora questi turisti, abituati alle strade diritte, avventurarsi esitanti ed impauriti sulla strada stretta e tortuosa che sale al paese. Oppure vengono d’inverno, a vedere la neve, su cui è anche possibile sciare.

Fin dagli anni ’60 Scanno ebbe un notevolissimo sviluppo turistico basato soprattutto su romani e pugliesi. E’ nata intorno al borgo vecchio, fortunatamente rimasto intatto, una corona di orribili costruzione residenziali ed alberghiere nello stile di quegli anni; certamente uno dei peggiori nella storia dell’umanità. Edifici nati male ed invecchiati peggio; un pò disabitati, un pò cadenti. Triste edilizia delle seconde case nell’epoca del boom.

E qui incomincia l’inarrestabile parabola discendente di Scanno.  La risorsa pecore e’ ormai ridotta ad un paio di aziende residuali. Il turismo stanziale langue; gli alberghi di un tempo sono ormai ridotti a misere pensioni dove si trascinano i tradizionali habituès, sempre più anziani e sempre meno numerosi, un anno dopo l’altro. Nessuna capacità di rinnovarsi, di creare attività. L’impianto sciistico è perennemente in fallimento; le possibilità di camminare d’estate sono poche, non essendo mai stati segnati i sentieri in modo accettabile; la cucina è modesta, poco curata e meno invitante; gli abitanti sono gentili come un cazzotto nello stomaco; un deposito di pezzi polverosi, aperto solo a chiamata, gioca il ruolo di museo locale; le produzioni locali di salumi e formaggi sono venduti a prezzi esosi per una qualità banale. Gli Scannesi si rifanno spesso ai loro antenati Sanniti e vanno fieri delle Forche Caudine. Trattano i visitatori un pò nello stesso modo.

Scanno è l’esempio vivente (morente, sarebbe meglio dire) del cambio di tipo di turismo: il tempo della vacanza residenziale lunga un mese è finito. Ora si vogliono numerose vacanzine di breve durata, ma di ricchi e variati contenuti. Non si vuole più respirare l’aria buona, si cercano esperienze appaganti. E queste esperienze vanno costruite, organizzate, gestite con professionalità. E quest’ultimo attributo sembra crudelmente mancare agli Scannesi.

Insomma, quello che è un unicum nazionale per i costumi tradizionali, un borgo superbo ed una bizzarria storica e geografica sta morendo soffocato dalla grettezza degli abitanti e dalla povertà culturale delle Amministrazioni Pubbliche. E la popolazione diminuisce ogni anno.

Scanno vale ampiamente una visita per poter meravigliarsi del borgo. Una visita breve, di un paio di notti (e vi consiglio questo B&B, in una casa del borgo). Aspettando che i suoi abitanti riescano a capire che bisogna offrire qualcos’altro di decente, oltre al borgo, a chi arriva fino a quassù.

L’esemplare turismo genealogico

In questo edificio, nel porto di Buenos Aires, venivano ospitati gli immigrati in attesa che trovassero lavoro e casa. Ora è il Museo dell’Immigrazione. Foto di Carlos Zito via Wikicommons.

Il turismo è come la vita: ricchissimo di sfaccettature. Vi è pure quello che si dedica ad visitare gli antenati.

Si sa, gli italiani sono un popolo di emigranti; ormai da un paio di secoli, anche se pare che se ne siano dimenticati. Ci sono più italiani all’estero che in Italia ed ogni giorni altri se ne aggiungono.  E Anche gli spostamenti interni delle genti italiche sono stati massicci, verso Roma o verso il Nord dove c’era lavoro.

D’altra parte, da una trentina d’anni, si è largamente diffuso l’interesse per la genealogia. Prima era stata una faccenda di sedicenti nobili che volevano dimostrare le loro antiche origini o reclamavano eredità in cause secolari; ora, grazie alla democratizzazione della cultura, anche i discendenti dei morti di fame ci tengono a conoscere le proprie, sia pur umili, origini. E se ne vantano, giustamente. Molto attivi i francesi, i quali, nella loro arroganza, non mancano di avere (tutti quanti) fra i loro antenati Carlo Magno. Ma anche in Italia gli archivi diocesani, storici comunali, di Stato, sono pieni di gente che fruga nel proprio, dimenticato, passato.

Il turismo non poteva non penetrare anche questo settore. Con tre tipi diversi di approccio.

La visita alle famiglie d’origine. Fa parte della tradizione dei vecchi emigrati italiani. Si tornava al paesello d’origine. Una vota l’anno, se si era emigrati in Europa, una volta ogni tanti anni se si abitava nelle Americhe, poveri loro. Si facevano conoscere i nipoti nati nel frattempo ai nonni rimasti alla vanga. Ci si vantava dei successi ottenuti, si tacevano le miserie e le umiliazioni subite. Storie di emigranti, il mito dello zio d’America. Questo tipo di turismo è ormai minoritario: le grandi ondate migratorie si sono estinte ormai da molti decenni ed i legami con le famiglie di origine sono esilissimi o meglio scomparsi. Gli emigrati recenti, invece, si giovano delle nuove tecnologie e delle compagnie low cost e tornano a casa, virtualmente o fisicamente, ogni giorno.

La ricerca genealogica. Per quanto esistano schedari on-line (il più incredibile è questo, frutto di una collaborazione inusuale fra Mormoni e Stato italiano) la ricerca dei propri antenati ha bisogno di molte ore chine su antichi manoscritti di impiegati comunali artritici o di parroci cialtroni. E’ quindi necessario spostarsi nei luoghi abitati dalla propria antica famiglia, soggiornarvi a lungo, andare ogni mattina all’archivio. Si soggiorna, si mangia, nel pomeriggio si visitano i luoghi che furono dei trisavoli o dei loro bisnonni. E’ un turismo speciale, ma è turismo.

Visita ai luoghi ancestrali. E’ il segmento più recente e maggiormente in sviluppo. Si tratta di coppie o famiglie che si recano a visitare i luoghi dove vissero i loro antenati, prima dell’emigrazione. Ormai non hanno nessun legame con i parenti rimasti, non sanno nemmeno chi siano.  A volte sanno il nome del paese di origine solo grazie a vecchi documenti o alle storie che giravano in casa. Altre volte, addirittura, la famiglia aveva perso ogni memoria e qualcuno di loro ha commissionato una ricerca genealogica che ha ritrovato i vecchi legami, spesso partendo dai registri degli sbarchi degli immigrati a Buenos Aires o a New York. E quindi la famigliola si reca in sommesso pellegrinaggio a vedere quei luoghi che un secolo e mezzo fa un loro antenato aveva abbandonato, inseguito dalla miseria, inseguendo un sogno. Succede anche che la stessa persona che ha eseguito la ricerca genealogica organizzi la visita di ritorno. Ciò avviene soprattutto per chi è emigrato in America del Nord e si ritrova spaesato in quel continente privo di storia e di memoria. Ma succede anche con i brasiliani; meno frequentemente con gli altri sudamericani, forse semplicemente per motivi di minori risorse da investire in una cosa apparentemente inutile come la ricerca dei propri antenati.

Paradossalmente il turismo genealogico si presenta come il miglior turismo possibile. Ecco perché: per prima cosa va spesso in luoghi reconditi e poco frequentati; quelli da cui venivano i poveri antenati emigranti che non lasciavano certo Venezia o Taormina. Relegati paesini del sud, strette valli friulane, pendici pascolative abruzzesi. Non c’e’ sovraffollamento, niente ingorghi di bus. Turismo disperso, al massimo.

Poi il turista genealogico è terribilmente rispettoso dei luoghi che visita (furono percorsi dai suoi avi) e delle persone che incontra (potrebbero essere suoi cugini). Si presenta con fare discreto, umile, commosso e grato. Esattamente il contrario del turista classico, cialtrone, arrogante e chiassoso.  Volge il suo intenso sguardo alle cose, ai colori, aspira l’aria con sommessa emozione. Accarezza le case in cui l’antenato visse. Si fa tutt’uno con il contesto: un pesce nell’acqua. L’emozione che provano i turisti genealogici è intensissima, ne parlano con tutti, come bambini felici.

Ed infine, il turista genealogico rimarrà per sempre attaccato al suo viaggio. Continuerà a parlarne a famigliari ed amici, conserverà un grato ricordo dei luoghi visitati. Ci tornerà ancora portando figli e nipoti. Sarà un ambasciatore nel mondo dello sperduto borgo montano.

E’ così che vorremmo i turisti e non come sono normalmente.

PS. Per approfondire, una tesi di laurea sull’argomento.

I soldi durante il viaggio

Non usare mai questo tipo di cassa automatica. Foto di FredTC via Wikimedia Commons.

Una delle preoccupazioni maggiori dei turisti riguarda la disponibilità dei soldi durante un viaggio. Come procurarseli e come evitare i diversi rischi. Pur nella grande variabilità delle circostanze vediamo di dare dei consigli SEMPLICI e PRATICI, nei limiti del possibile, perchè la materia è vasta, complessa e cangiante.

Portarsi dietro la mazzetta di € o $. Errore. Si corrono evidentemente molti rischi con il contante addosso o nelle borse o nelle fasce strette in vita, sotto i vestiti, come nel Medioevo. E comunque si starà sempre in apprensione. Se poi avremo cambiato in dollari avremo perduto qualcosa nel cambio. Ormai l’Euro è una moneta di importanza mondiale e in tutti i paesi viene accettata allo stesso livello dei dollari.

Portarsi dietro una piccola somma in €. Giusto. Avere comunque una piccola disponibilità di soldi può risolvere delle situazione complicate: un guasto alla macchina in campagna, una sosta in un luogo senza banche, un poliziotto da corrompere al volo. Si terrà sempre addosso, in fondo ad una tasca, nella scucitura di un giubbotto.

Cambiare banconote presso i cambiavalute. Mai. E’ certo che perderete molto. I cartelli che annunciano il valore delle monete spesso non riportano le commissione che poi vi troverete a pagare. Oppure ci sono delle tasse, più o meno fittizie che vi vengono addebitate. In alcuni casi succede anche che vi rifilano banconote false. Da evitare come la peste i cambiavalute che si trovano nei dintorni del ritiro dei bagagli, negli aeroporti, hanno commissioni elevate.

Cambiare la moneta del paese dove andate presso la vostra banca. Non si fa più. Prima era la norma. Chi doveva andare in Inghilterra passava la settimana prima al proprio sportello, ordinava un tot di sterline e tre giorni dopo tornava a prenderle. Evidentemente c’era il rischio di portarsi la mazzetta dietro.

Ritirare moneta locale dalle banche con la carta di credito. Bene, ma caro. La propria carta di credito permette di ritirare dei contanti, in valuta locale, sia alla cassa automatica delle banche sia agli sportelli. Bisogna ricordarsi il codice e si ottengono i contanti. I problemi sono due. Il primo è che molto spesso i possessori delle carte di credito non si ricordano il codice per il prelievo dei contanti. E quando se ne rendono conto è troppo tardi: è rimasto a casa, nel cassetto del comodino. Il secondo problema è che il contante ritirato è considerato un anticipo e viene addebitato sul conto anche un ulteriore 4% di “interessi”.

Ritirare moneta locale dal bancomat con la propria tessera. Perfetto, anche se ci sono alcuni ma ed il problema delle commissioni.

Il primo ma: bisogna andare SOLO alle banche. Bisogna evitare quelle casse automatiche con sopra scritto ATM, Euronet o cose simili. Non sono casse delle banche ed applicano tassi di cambio e commissioni mooolto sfavorevoli per il cliente.

Il secondo ma: Alcune casse automatiche tendono un tranello. Chiedono se vuoi cambiare al tasso del momento o a un tasso fisso che è indicato. Conviene SEMPRE cambiare al tasso del momento perchè in questo modo vige il tasso di quel momento fra le banche e non quello che mettono loro a loro vantaggio. Con questa scelta il tasso di cambio ti viene applicato dalla tua banca e non dalla proprietaria dello cassa automatica.

Il terzo ma:  Bisogna prelevare tutto quello che ti permettono di prelevare. Dal momento che ci sono delle commissioni fisse, indipendenti dall’importo, più volte prelievi, più volte paghi la commissione.

Il quarto ma: Alcune banche impediscono alle proprie tessere di prelevare all’estero, per motivi di sicurezza. Quindi il cliente, prima di partire si deve accertare se può prelevare all’estero e, in caso che non lo sia, farsi sbloccare la propria tessera.

Le commissioni? Naturalmente, usando il proprio bancomat come se si fosse a casa, ti vengono applicate delle commissioni. Ce ne sono di diverso tipo e di diverso nome. Sono cmq accettabili, non dovrebbero superare il 2% tutte insieme. Prima di partire sarebbe bene chiedere alla propria banca queli sono le condizioni dell’uso del bancomat e magari vedere se si può contrattare un miglioramento. Il vantaggio di questa forma di ritiro contanti è che il tasso di cambio è il migliore possibile, essendo fra le banche. Ed inoltre non hai bisogno di girare con le mazzette in tasca. Ed infine tu stai usando un mezzo di pagamento emesso dalla tua banca ed in caso di problemi devono rispondere di quel che succede ai tuoi soldi.

I primi soldi, appena arrivati. Bancomat in aerporto alla cassa automatica di una banca. E’ un momento un pò delicato. Si è appena scesi dall’aereo, si deve cercare un mezzo di trasporto per andare in città, non si conosce niente. Soprattutto abbiamo bisogno di soldi locali per evitare di dover usare degli euro, con tutti i rischi che il tassista ci speculi sopra o che la biglietteria dei bus non li accetti. Nel salone degli arrivi, subito dopo l’uscita dalla zona riservata ai soli viaggiatori, vi sarà certamente una cassa automatica. Usarla senza inconvenienti, con il proprio bancomat, stando attenti che sia di una Banca e non di una azienda di servizi (Euronet o altri) e seguendo i “ma” del punto precedente.

Bisogna pagare con il bancomat, con la carta di credito o in contanti?. Le spese correnti in contanti. Nei paesi del Nord è normale pagare con il bancomat anche il caffè; in molti altri il POS (la macchinetta che legge il bancomat) non ce l’ha nessuno. Può anche succedere che ad ogni operazione venga aggiunta una piccola commissione. Per evitare problemi, io mi comporto così. Le spese grosse come alberghi o biglietti le pago con la carta di credito nella quale le commissioni sono normalmente minori od addirittura assenti e cmq più standardizzate. Per tutte le altre spese uso i contanti. Il bancomat lo uso quasi solo per ritirare contanti dalla cassa automatica.

E’ sempre così? Purtroppo no: ciò è valido sostanzialmente nei paesi SEPA che è un accordo bancario che riunisce praticamente tutti i paesi europei, che abbiano l’euro o no. Altrove può essere differente.

Fuori dall’Europa? I problemi aumentano molto. Portarsi i liquidi in giro può essere ancora più pericoloso. Le commissioni aumentano. Il bancomat spesso non funziona. Quindi:

Cercare banche internazionali. Ai Caraibi una volta la “Banca dei mari del sud” mi prese il 25% su un prelievo. Dietro l’angolo scoprii solo dopo c’era la Scotian bank che me ne prese il 2%.

Stare attenti ai simboli. Sulla tessera del bancomat c’e’ un simbolo (Cirrus, Maestro, Mastercard, ecc). Vedere bene che sulla cassa automatica ci sia l’adesivo con lo stesso simbolo. Se non c’e’, meglio non infilare la tessera nella fessura, per evitare improbabili ma non impossibili inconvenienti.

Il problema della lunghezza del codice. I nostri codici sono a 5 cifre. Certe casse automatiche ne richiedono solo 4. Mettete le vostre prime 4 cifre, sperando bene.

A volte dentro funziona e fuori no. Succede anche che la cassa automatica non riconosca la vostra tessera, ma che il cassiere umano, all’interno della banca possa farvi l’operazione. Vale la pena provarci.

Usare maggiormente la carta di credito. La carta di credito è molto più potente del bancomat, fuori dall’Europa. Va usata per pagare, ma anche per ritirare liquidi dalle casse automatiche o dagli sportelli delle banche. Ciò costerà il famoso 4%, ma a volte non c’e’ rimedio.

Quante carte? Dove tenerle? E i codici? Io viaggio con la carta di credito e due bancomat su due conti diversi. In questo modo sono meno esposto a furti, a danneggiamenti delle tessere o all’eventuale disseccamento di un conto. Le tre carte sono conservate in tre tasche/borse diverse. I codici li so a memoria, li ho scritti in una agendina che porto con me come se fossero dei numeri di telefono e stanno in un messaggio mail che ho inviato a me stesso e che posso recuperare da un qualsiasi computer del mondo.   Paranoie? No, troppe volte mi son trovato a chieder l’elemosina per esser rimasto senza accesso ai soldi che pur avevo su un conto da qualche parte del mondo. Da quando faccio così non mi è più successo.

Buon viaggio.