Non andate dove c’e’ la pena di morte!

Una barbarie, sempre, anche per Saddam Hussein.

Turista che stai pensando di andare in uno dei paesi elencati qui sotto, rifletti su quel che ti dico. Se vai in uno di quei paesi, mentre tu starai in giro sulle spiagge o nelle città o sulle montagne o nelle campagne, visitando musei, assaggiando la gastronomia locale, ammirando paesaggi oppure partecipando alla festa della notte; mentre tu farai tutto ciò, ricordati turista, che vicino a te, in fetide prigioni, languono persone che stanno per essere uccise dallo Stato che stai visitando.

Ricordati che i soldi che lasci in quel paese contribuiranno ad acquistare la pallottola che fucilerà, il cappio che strangolerà, la sostanza che avvelenerà, la corrente elettrica che abbrustolirà una persona.

I paesi che applicano ancora la pena di morte sono i seguenti (fra parentesi l’anno dell’ultima esecuzione):

In Europa solo la Bielorussia (2017).

In Africa il Botswana (2016), l’Egitto (2017), la Guinea equatoriale (2010), la Libia (2016), la Nigeria (2016), la Somalia (2013, ma il paese è troppo dilaniato per poter sapere cosa fanno le singole entità nelle quali è diviso), il Sudan (2016), l’Uganda (2006) e lo Zimbabwe (2005).

Nelle Americhe solo gli Stati Uniti applicano la pena di morte, a dimostrazione della barbarie di quel paese. Ogni anno sono numerose le persone uccise.

In Asia sono numerosi: Afghanistan (2018), Arabia Saudita (2017), Bahrein (2017), Bangladesh (2017), Cina (molti casi ogni anno), India (2013), Indonesia (2015), Iran (2018), Iraq (2018), Giappone (2018), Giordania (2017), Corea del Nord (2018), Kuwait (2017), Malaysia (2017), Mongolia (2008), Oman (2015), Pakistan (2017), Singapore (2017), Siria (2017), Taiwan (2016), Thailandia (2018), Emirati Arabi Uniti (2015), Vietnam (2016), Yemen (2015).

Nessun paese in Oceania.

In molti altri paesi la pena di morte esiste ancora, non è abrogata, ma non è più stata applicata da almeno 15 anni, in una sorta di moratoria indefinita.

Da ricordare che in alcuni dei paesi sopraelencati è prevista la pena di morte per reati come la bestemmia e la sodomia, che se lo facessero da noi, rimarrebbe vivo solo il boia.

Il turismo è desiderio di conoscere, di andare in nuovi luoghi, di visitare altra gente, avvicinandoli. In poche parole il turismo aiuta la pace. Nessuno turista vorrà attaccare militarmente un paese che ha visitato, anche se si è trovato male. Qualcosa da salvare lo troverà sempre.

La pena di morte è il contrario delle spirito che anima il turismo. E’ una istituzione barbara, inutile, abominevole, propria di Stati e di governanti deboli e spregevoli. Piace ricordare che il primo Stato che abolì la pena di morte fu in Granducato di Toscana nel 1786. Ed il popolo gioì perché era loro perfettamente chiaro che la pena di morte è un’arma del Potere per spaventare il Popolo.

Prego quindi i turisti che mi leggono di prendere l’impegno di non visitare i paesi che applicano la pena di morte. Nessuno se ne accorgerà, fino a che saremo pochi; ma se saremo molti questo boicottaggio potrà avere un effetto sulla decisione dei Governi di abolire la morte di Stato o, almeno, di non applicarla. Il Viaggiatore Critico crede che i tuisti abbiano una forte responsabilità politica. Questo è uno dei casi.

E comunque questa rinuncia avrà un effetto benefico sulla nostra coscienza. Mi sembra che valga la pena farlo. Io lo farò e mi dispiace non aver cominciato prima.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...